A causa dei continui attacchi di panico, Barbara Barbieri è finita al pronto soccorso

Eva Tremila Mese

Da un po’ di tempo non si avevano notizie dell’inarrestabile corteggiatrice di Leonardo Greco, Barbara Barbieri detta Bubi. Ora si è scoperto che non sta passando un periodo facile: è stata infatti paparazzata distesa sulla barella di un pronto soccorso, a causa di una crisi di panico. Strascichi, a quanto pare, della brutta vicenda che l’ha coinvolta di recente in tribunale contro un’avvocatessa senese. Raggiunta telefonicamente, Bubi ha dichiarato: “Non me la sento di guidare da sola, di prendere impegni lavorativi, di avere una vita sociale. E, cosa ancora più triste, mi vedo costretta a sottrarmi all’amore”. E alla fine, ridendoci su, ha detto: “Non ho mai frequentato così spesso i pronti soccorsi”!

Fonte: Eva Tremila Mese

About Edicola

16 commenti

  1. Brutte bestie gli attacchi di panico! Ne ho sofferto, anni fa, quando mia madre si ammalò (e poi morì) di cancro. Dovevo essere forte per lei… ma dentro impazzivo dal dolore e dalla paura. Questo contrasto porto presto a attacchi di panico terribili… non sono mai andata al pronto, ero al corrente dell’eventualità che i miei nervi mollassero ed ero pronta… tanti anni di arti marziali e di respirazione mi hanno evitato psicofarmaci e corse al pronto. Ma ricordo il senso di freddo, i denti che battono, la gola che si chiude, il cuore che scoppia e la sicurezza di dover morire. Ma una cosa mi aiutava tanto… riempire la vasca da bagno di acqua molto calda e farmi avvolgere dal calore..! Per chi ne soffrisse posso dare qualche consiglio.

    • :abbra sicuramente hai una grande forza interiore…complimenti per essere stata capace di superare quei momenti! :ave purtroppo non è da tutti!

    • ..anch’io ne soffro ultimamanete.. gli attacchi di panico sono una brutta besta… :eyes bubi non mi è mai stata particolarmente simpatica, ma ha tutta la mia solidarietà! :angel

    • ..padme ..spero di trovare la tua stessa forza..

    • Grazie ragazze per la solidarietà, ma il mio voleva essere un esempio per far capire che gli attacchi di panico si possono sconfiggere senza farmaci o corse al pronto. Tutte abbiamo questa forza, basta saperla utilizzare al momento giusto. Di certo l’Aikido, con le sue respirazioni, mi ha aiutato tanto. Un consiglio, se vi capitasse, cercate di rilassarvi sedendovi a schiena dritta e cercate di regolare come potete la respirazione. Poi nella vostra mente immaginatevi un bel sole caldo, che a ogni inspirazione fa entrare caldo e diventa sempre più forte, oppure createvi un ‘immagine piacevole della Natura che sia il bosco o il mare: fatto questo vi concentrate nei particolari, quindi cercherete l’increspatura dell’onda o il movimento dell’albero… a quel punto sarete a metà dell’opera! Ricordatevi che l’attacco di panico non uccide, ma è solo un bastardo egocentrico in cerca di ogni vostra attenzione… il trucco è imparare a non calcolarlo proprio quando arriva! Perchè il bastardo è così… se ne va come viene, sta a noi fargli capire che non c’è storia!!! Anche l’acqua calda funziona… un bagno profumato e avvolgente è un forte alleato! Coraggio ragazze… c’è di peggio, questo si può sconfiggere!!! :viva

    • anche mia mamma ne ha sofferto quando io e mio fratello eravamo più piccoli, so che è tutt’altro che semplice, fu un periodo molto duro per tutti, per lei, e per chi le stava accanto e non sapeva come darle forza… lei ha avuto bisogno di un aiuto esterno, tu sei stata davvero in gamba a venirne fuori da sola, ti stimo molto per questo 🙂

    • Padme, porca vacca… mi dispiace davvero.
      un abbraccio

    • La Davi, purtroppo capita di dover subire certi scrolloni ai nervi (ho letto di tua madre in un altro post, quindi hai tutta la mia comprensione), nessuno ne è immune. Ma parlarne aiuta a individuare meglio il problema. Non ci deve essere dispiacere ma forza… la forza che noi donne abbiamo dalla nascita, dal nostro dna! Un bacione! :abbra

  2. foto al pronto soccorso, ma stiamo scherzando? Barbara dovrebbe querelare chi ha fatto questi scatti.

  3. Foto al pronto soccorso ma daiiiiiiii!!!!!!!! :emo46

  4. So benissimo quello che si prova, ed è una cosa che non auguro nemmeno al peggior nemico… a me sono capitati un paio di volte, diciamo che la sensazione di morire è angosciante, ma per fortuna, studiando medicina, sapevo che non sarebbe successo nulla di tutto ciò e forse questo ha fatto si che non siano successi ripetutamente…io non ne sono ancora del tutto fuori, perchè la paura che tornino è sempre in agguato purtroppo, ed è passato solo una anno da quando sono successi, ma ci sto lavorando!

  5. E’ inammissibile che si possano fare quelle foto in ospedale, a nessun estraneo è permesso d’entrare durante le visite, anzi spesso al PS anche i parenti più stretti vengono mandati via. Quindi può aver fatto le foto solo un paziente, un medico, un infermiere, un portantino o un amministrativo.

    Le cose sono due, o lei era d’accordo con chi ha fotografato e poi venduto le foto oppure non s’è accorta di nulla ma a quel punto dovrebbe denunciare l’autore della foto, il giornale e l’ospedale.

  6. Purtroppo conosco anch’io gli attacchi di panico, a me prendono a scadenze periodiche e nonostante mi sforzi di combatterli, ci riesco solo con i farmaci.Credo che per guarire bisognerebbe superare il problema che li scatena, ma a volte è impossibile.

Inserisci un commento

Not using HHVM