Fattore M: spazio dedicato a Marco Mengoni. Habemus album: è nato #prontoacorrere. La conferenza stampa di presentazione del disco e le prestigiose collaborazioni. “L’essenziale” brano in concorso all’ESC 2013. L’intervista rilasciata a Vanity Fair. Varie su eventi promozionali e tour…

Marco Mengoni #prontoacorrere

(rubrica a cura di Valentina P.)

Ecco un’altra di quelle settimane in cui non so proprio da dove cominciare. Abbiamo atteso all’incirca 538 giorni (giorno più, giorno meno) e finalmente, dopo tante tribolazioni (musicali e non), ce l’abbiamo fatta: è nato #prontoacorrere. Tutto è cominciato lunedì mattina a Milano, nella cornice illustre dell’Accademia di Brera, dove Marco ha presentato alla stampa la sua neonata creatura, mentre alcuni artisti reinterpretavano su tela e a modo loro, il suo volto. Iniziativa decisamente “figa” – per utilizzare un termine gggiuovane – in cui il ricavato della vendita dei quadri verrà devoluto al finanziamento di borse di studio. Tornando a noi, come già sapevamo da un po’, il disco è stato prodotto da Michele Canova Iorfida e registrato tra Milano e Los Angeles, e contiene 15 brani inediti. Al suo interno, il Mengoni recita testualmente:

……………………………………………………………………………………………………..

“#prontoacorrere rappresenta l’immagine che ho di me in questo momento…correre verso il futuro, vivendo consapevolmente il presente pronto a ciò che succederà. Sempre in divenire. Questo album è un insieme di immagini, di idee, di esperienze, di incontri, è un anno di vita intenso che ho voluto riassumere con un’azione: correre, ricercando la concretezza, l’appartenenza alla terra. Pronto a correre quindi, cercando di assorbire i colori”.

……………………………………………………………………………………………………..

Durante la conferenza, inoltre, Marco si è pronunciato in questi termini sul suo nuovo album:

……………………………………………………………………………………………………..

“Nella sua totalità il disco è divisibile in ‘tre piani sonori’. Un primo livello è composto da ballad, molto più classico e intimo. In questa parte farei rientrare ‘L’essenziale’. Un secondo piano che rispecchia da dove provengo, dal jazz, dall’r n b, dal soul e dal rock’n roll un po’ più suonato. E poi c’è la parte elettro-rock, power. C’è solo un pezzo che si distacca completamente da tutti gli altri e che è ‘Una parola’. Un brano moderno, come direbbe mia nonna. Questo è un album molto vario. E’ da ascoltare… E’ un disco di reazione”.

……………………………………………………………………………………………………..

E si tratta davvero di un album multistrato – come lo ha definito Andrea Laffranchi! – in cui stili e generi diversi si fondono assieme, a creare un gigantesco affresco perfettamente rappresentativo della multiforme personalità artistica di Marco. Per chi volesse farsi un’idea dalla sua viva voce, QUI la videointervista rilasciata a Rockol.it, mentre QUI la trascrizione integrale della conferenza stampa tratta da MelodicaMente.it.

Per quanto riguarda le numerose collaborazioni preannunciate nei mesi scorsi, e che ci hanno letteralmente tolto il sonno, ritroviamo, sul fronte italiano – oltre a Gianna Nannini e Pacifico che hanno firmato “Bellissimo” – uno strepitoso Cesare Cremonini (“La valle dei re”), Ermal Meta dei La fame di Camilla (“20 sigarette”) e nientepopodimeno che il maestro Ivano Fossati (“Spari nel deserto”). Sul fronte estero potrei invece elencare una sfilza di nomi tra cui Tobias Gad (autore di riferimento per Alicia Keys e Beyoncé, che per Marco ha scritto “Non passerai”), Steve Robson (autore per James Blunt, che ha scritto “Evitiamoci” ) ed il più famoso Mark Owen dei Take That (“Prontoacorrere”). Credetemi, io ho ascoltato tutto e ce n’è per tutti i gusti. E’ quasi superfluo dire che l’album è arrivato dritto dritto e in men che non si dica alla prima posizione su iTunes, ed in questi giorni ha riscosso molti consensi da parte della stampa specializzata.

Quindi cosa aspettare? Ecco il link di iTunes -> QUI. E scaricatevelo sto disco!

In occasione della conferenza stampa del 18 marzo, è stato anche svelato il brano che Marco porterà all’Eurovision Song Contest 2013. E sarà proprio “L’essenziale”- con mia grande gioia, tra l’altro! – cantata nella nostra meravigliosa lingua. Ebbene sì, sono leggermente campanilista, ma credo che si tratti di un gioiello di canzone che non vada toccato in alcun modo. Magia pura… e la voce di Marco a fare la differenza.

Sull’onda dell’uscita del disco, e forte di un nuovo ufficio stampa da urlo, il Mengoni in questa settimana ha iniziato il suo periodo promozionale, dividendosi tra interviste radiofoniche e giornalistiche, ed una serie di firmacopie che lo vedranno impegnato nei prossimi giorni in tutta Italia (o quasi), nell’ordine – a partire da domani – : alla Mondadori di Milano (ore 11, sabato 23 marzo), al Centro Commerciale Cremona Due di Gadesco Pieve Delmona (CR) (domenica 24 marzo alle ore 17), alla Feltrinelli di Torino (martedì 26 marzo alle ore 17), alla Mondadori di Palermo (giovedì 28 marzo, ore 17), alla Mondadori di Marcianise (venerdì 29 marzo, ore 18) per finire nuovamente alla Mondadori di Milano (venerdì 5 aprile alle ore 16)!

Sul fronte interviste, nel marasma di questi giorni scelgo di segnalarne una pseudo “cartacea”, ovvero quella pubblicata sull’ultimo numero di Vanity Fair (QUI); meno stucchevole delle precedenti, con uno splendido servizio fotografico allegato e con un Marco dalle idee molto chiare. Questa la cover:

Marco Mengoni

Prima di chiudere la rubrica, è doveroso rispolverare l’affaire Tour Teatrale. Allora, come già detto la tournee prevede 7 anteprime (esclusa la data zero… esclusa!) nei teatri delle principali città italiane: Milano (8 maggio, QUI i biglietti), Torino (20 maggio, QUI i biglietti), Genova (21 maggio, QUI i biglietti), Firenze (23 maggio, QUI i biglietti), Padova (24 maggio, QUI i biglietti), Napoli (26 maggio, QUI i biglietti) per terminare il 29 maggio a Roma (per i biglietti QUI). I biglietti stanno andando letteralmente a ruba, al punto che date come Milano e Napoli sono già praticamente sold out. E il disco è uscito solo pochi giorni fa, oltre due settimane dopo l’apertura delle vendite del tour! Se va avanti così, toccherà bissare molti appuntamenti teatrali.

In ogni caso, stando alle parole del Mengoni, il tour dovrebbe partire con queste anteprime, per poi riprendere solo il prossimo autunno, fatto salvo per alcune “incursioni” estive. Marco ripensaciiiiii. Il tour estivo è la gratificazione di ogni fan che si rispetti. Vabbè, io l’ho detto. Mi sono esposta.

Cos’altro aggiungere? Alla prossima!

About Isa

4 commenti

  1. io ancora non l’ho comprato
    un po’ perché ho minimo un altro cd in lista d’attesa, un po’ perché aspetto di sentirlo (non tutto, ma almeno farmi un’idea) perché a scatola chiusa non compro praticamente più, quindi non ho neanche letto tutto il post perché non voglio leggere recensioni troppo dettagliate prima di ascoltarlo per bene io
    però passo a esprimere la mia gioia, scatenata in particolare da un nome: FOSSATI :emo14 :emo14 :emo14
    lo so, non si giudica a priori, le mie aspettative altine rischieranno di restare deluse, ma come posso non esultare?!
    è uno dei nomi che da sempre volli, disperatamente volli per marco. e lo sapevo, che se fossati aveva detto che voleva scrivere qualcosa per lui prima o poi l’avrebbe fatto…solo che non mi aspettavo che avvenisse così tanto prima :emo46 :ride
    speriamo bene (incrocio le dita per non dover rimangiar nulla)
    poi la mia gioia è dovuta anche al fatto del triplo strato, almeno ho la speranza di trovare qualcosa che mi piaccia davvero :emo43
    e comunque non me ne accorgo mi piace, la trovo un gran buon pop (e la sua voce in certi punti mi fa letteralmente impazzire)
    ecco, io per l’Esc un pensierino su non me ne accorgo l’avrei fatto (secondo me poi si presta anche ad un’eventuale futura trasposizione in inglese). per non parlare di qualche traccia eventualmente pseudo-rock.
    capisco la scelta dell’essenziale, comunque (ha fatto proprio il botto :eyes ), anche se non sono tanto d’accordo, pur avendola rivalutata di parecchio. poi si sa che io marco lo vedo british e in english da sempre. un po’ mi spiace, ma me ne faccio una ragione
    marco su vanity in bianco è fighissimo comunque :bunny
    bella anche l’idea dell’accademia di brera, è troppo avanti (anche se l’immagine del cd è forse quella che mi piace di meno)
    mengoni al verdi dev’essere tanta roba, ma non so se ci sarò fisicamente, quindi non son sicura di esserci (e comunque le bimbominkiate del palasport al verdi non le sopporterei eh, lo dico subito :emo48 )
    vi saluto facendo la ola al grido di fos-sa-ti fos-sa-ti

    • Io ho sentito tutte le anteprime e oggi pomeriggio andrò ad acquistare il Cd!

      Crazy il pezzo di Fossati è meraviglioso (e sono certa che a te piacerà tanto se ho un po’ capito i tuoi gusti 😛 ) ma per me quello di Cremonini, ‘La valle dei re’, è il migliore mai avuto da Marco fino ad ora!!! Me lo sono anche scaricato singolarmente perchè non volevo aspettare di avere il cd, volevo sentirlo tutta subito e secondo me è bellissimo!!!!!

      Il cd comunque è molto vario, ci sono pezzi che mi piacciono molto (4 in particolare), altri buoni ed altri che avrei evitato ma che invece, a quanto leggo, sono piaciuti ad altre persone…insomma ce n’è per tutti i gusti! Io aspetto di sentire tutto il cd almeno 3/4 volte prima di sentenziare anche perchè spesso con i vari ascolti cambio opinione!

      Concordo su ‘non me ne accorgo’, mi è piaciuta sin dal primo ascolto!

      Adesso aspetto che mettano almeno una data del tour in Sicilia altrimenti faccio una strage 😀

    • la valle dei re era uno di quei titoli che mi ispirava tantissimo. in effetti avevo pensato che quello fosse di fossati (o, in seconda battuta, che si trattasse proprio degli spari nel deserto)
      mi fa piacere (e tiro un sospiro di sollievo su fossati) anche perché cremonini come autore mi piace mediamente tanto, ed è anche il simbolo che i pregiudizi si superano, insomma, era il cantante di ‘ma com’è bello andare in giro con le ali sotto i piedi’ e altre perle dei lunapop :emo32
      comunque sì, aspetto anch’io perché a volte ho dei ripensamenti mostruosi (tipo un finale diverso :ride )
      però nick cave ha la precedenza, anche perché sto in fissa pesante. ma commenterò, in ritardo come sempre lo commenterò 😛

      (ps. il successo dell’essenziale però per me è un colpo al cuore se penso a solo, ma vabbé, se lo merita e forse ne aveva bisogno :emo43 )

  2. ho ascoltato il cd e posso dire che tra quelle che mi hanno catturato sin da subito ci sono Avessi un altro modo, Natale senza regali e La valle dei re. Nella totalità comunque mi piace di più questo cd rispetti agli altri suoi merito di un Marco cresciuto e delle collaborazioni :appla Questo suo cambiamento nel modo di cantare e nella scrittura mi ha colpito positivamente bravo Marco

Inserisci un commento

Not using HHVM