Eleonora Mandaliti ospite in radio: “Eugenio Colombo e Francesca Del Taglia ostentano troppo ma secondo me dureranno. Se mi ha dato fastidio il loro ballo in studio? Mi veniva da ridere”

Eleonora Mandaliti

Ieri pomeriggio Eleonora Mandaliti, ex corteggiatrice di Eugenio Colombo a Uomini e Donne, è stata ospite dalla trasmissione radiofonica Non succederà più condotta da Giada Di Miceli su Radio Manà Manà ed ha risposto alle domande dei conduttori e dei suoi fan che sono intervenuti tramite dei messaggi nella pagina della trasmissione.

Ovviamente si è parlato molto dell’esperienza di Eleonora a Uomini e Donne, esperienza  della quale Eleonora si dichiara soddisfatta. ‘Rifarei tutto quello che ho fatto, se avessi agito diversamente non sarei stata io‘ e si è parlato molto anche della coppia composta da Eugenio e Francesca Del Taglia. A proposito della coppia in risposta alla domanda della conduttrice che le chiedeva se secondo lei Eugenio e Francesca fossero innamorati Eleonora ha dichiarato: Per come si innamorano loro in questo momento probabilmente sono innamorati“, “E come si innamorano loro?” ha chiesto la conduttrice, “Facilmente!!!” ha risposto la Mandaliti.

Ho visto in Eugenio troppa ostentanzione, ok, sei innamorato siamo tutti contentissimi, w l’amore ma non serve dirlo ogni 2 secondi!” ha dichiarato Eleonora ed alla conduttrice che le chiedeva se secondo lei Eugenio e Francesca dureranno Eleonora con un tono dal quale difficilmente si riusciva a capire se fosse seria o sarcastica ha risposto: “Li ho visti bene, secondo me il loro amore durerà tanto“.

Ad una fan che tramite un messaggio inviato alla radio le chiedeva se ci fosse rimasta male per quel ballo in studio tra Eugenio e Francesca nel corso della puntata della scelta di Andrea Offredi Eleonora, dopo una rapida risata, ha risposto: “Mi sono messa a ridere! In quel momento eravamo tutti schiattati dal ridere. E’ stato un gesto così basso e piccolo che non si ci può rimanere male!

Infine la Mandaliti ha smentito le voci circa la sua presenza sul trono rosa a Settembre, non c’è stata alcuna proposta ma se dovesse esserci sarebbe più propensa al si che al no.

A seguite i video per ascoltare l’intervista completa:

About Isa

49 commenti

  1. noi tutti critichiamo questi programmi, ma se domani ci dicessero: ti offro una opportunità, a settembre sarai una concorrente del GF, in quanti diremmo di no?!

    Io non capisco perché si reputa inconcepibile che una persona possa non avere come massima aspirazione quella di diventare un fenomeno da baraccone. Io neanche morta andrei al gf, né a uomini è donne. Non ho alcun interesse a lavorare nel mondo dello spettacolo, ho altre aspirazioni, quindi perché dovrei andarci? :boh
    In più sono una persona riservata, quindi non svenderei la mia vita privata e la mia intimità per due interviste e qualche copertina.
    Cerchiamo di entrare nell’ordine di idee che non tutti siamo uguali e che non per tutti, per fortuna, è prioritario apparire e avere sconosciuti che ti stalkerizzano con il tuo beneplacito.
    Io trovo ridicolo tutto il sistema per il quale una persona che non ha alcun talento diventa popolare solo per aver messo in piazza la sua vita privata e inizia a parlare ai suoi funz come se fosse un leader: “non dategli retta”, “lasciateli rosicare”, ecc.
    E sia chiaro che il mio discorso non vale solo per il personaggio del post, che si è dimostrata in cerca di visibilità, come ho sempre pensato (altro che esperienza per mettersi alla prova :fischia ), ma per Eufran, Tefran e tutti quelli che vanno in un reality o in programmi simili.

    • Doveva essere in risposta a Saretta. 🙂

    • possiamo essere in disaccordo sui personaggi e sull’evolversi di quello che rimane un programma tv, che quindi prendo con poca serietà per quanto mi possa divertire
      però io questo discorso lo condivido al 100% e lo metterei su uno striscione sempre consultabile e valido in generale
      se uno vuole visibilità che faccia tutti i troni che vuole (in fondo non mi dimentico che son personaggi tv per quanto alcuni possa gradirli), però io non andrei in tv, specie mettendo in piazza la mia vita privata, neanche morta, davvero :nono
      🙂

    • *uomini e donne*

      Crazy, al di là degli scambi che nascono qui nel blog (e credo che sia irrilevante l’idea sui singoli personaggi 😉 ) ovviamente anche io lo vivo solo come un programma tv, che guardo per farmi due risate o semplicemente per impegnare il momento morto dell’ora di pranzo, ma come anche tu avrai notato, per molti non è così. Ne fanno quasi una questione di vita o di morte. :S
      Non so se hai visto il film Nella casa di Ozon, che è una metafora del rapporto tra lettore e scrittore. In pratica Ozon insinua che siamo tutti voyeur e, considerando il successo di programmi del genere, non gli si può dare torto. 😀
      Però al di là di questo tipo di curiosità tipica della natura umana, bisognerebbe mantenere un certo distacco e fare una distinzione tra spettatore e partecipante.
      Io ci tengo a prendere le distanza da certi comportamenti e modi di essere di questi personaggi televisivi. 😀
      La trasmissione in sé va presa alla leggera, concordo, ma non credo che possa essere ignorato tutto ciò che gira intorno a questi programmi: dai vari personaggi che si convincono di essere dei divi, pur non avendo alcun merito o talento, alla gente che inizia a vivere di riflesso le emozioni delle varie coppie. Che un programma televisivo possa avere un impatto sociale del genere è preoccupante. :brr

    • ma qui ci si è allargati. :ride il mio punto voleva essere semplicemente che nnon ho il pregiudizio di giudicare a priori chi va in questi programmi, perchè su 100 se 97 si dimostrano poco validi (volendo essere politically correct), magari cene sono anche 3 che dimostrano di avere un po’ di sale in zucca, e non è l’essere nel programma trash che fa diminuire a prescidenre il suo sale in zucca,perchè uno può andarci per le più svariate ragioni. poi oh io la penso così, ma il discorso si era allargato troppo. :boh

    • Saretta, no, scusami, il discorso che stai facendo adesso è diverso.
      Il mio è partito dalla frase che ho riportato in cui sostieni che se ci venisse proprosto un reality, saremmo in poche a rifiutare.
      Ed io ho replicato a questa tua affermazione.
      Su quanto dici ora, posso dirti che la pensiamo diversamente. Per me la partecipazione a questi programmi qualifica la persona. Non voglio certo dire che li considero dei mostri, ma certo sono persone che svendono la loro vita privata in cambio di popolarità e soldi facili, e questo non è un fattore trascurabile, per cui mai potrei avere stima per uno di loro, al massimo simpatia. Ecco perché non capisco come per la gente possano diventare quasi delle divinità… :brr
      Anche perché persino quei 3 decenti di cui parli finiscono col trasformarsi e diventare le marionette-complici di situazioni a dir poco imbarazzanti :emo23 .
      Sulla questione ci sarebbe ancora tanto altro da dire, ma non è il caso. 🙂

    • vabbè evidentemente partiamo a da due approcci e modi di fare proprio diversi. io concordo sul rabbrivido per il modo in cui vengano osannati, figurati, io ho un odio viscerale per la categoria “fan” e fanclub, quindi sfondi una porta aperta. Però resto dell’idea che quando guardo quei pogrammi davanti ho cmq delle persone che non sono molto diverse dai cotanei che vedo in giro ogni giorno, pu non avendo mai fatto reality. quindi no, non è l’essere nel reality che ti pregiudica a prescindere ma quello che dici e come ti comporti. cmq appuriamo che la pensiamo diversamente e amiche come prima :birra

    • Saretta, sarebbe corretto parlare di “pregiudicare e di pregiudizi” se fossimo alla prima edizione del programma e non avessimo gli elementi per poter affermare che tutti quelli che ci vanno hanno le stesse aspirazioni e finiscono per assumere gli stessi atteggiamenti e fare le stesse cose.
      Ci si basa su quello che fanno vedere in tv e non è un bello spettacolo.
      Quello che non condivido è la tua “difesa” in nome del “non sono diversi da noi o da chiunque altro, ecc, ecc”. Non ho detto che sono alieni, ma almeno tra le persone che frequento io non ci sono persone che strumentalizzano il loro privato e quindi le loro emozioni e sentimenti per acquistare consensi, né li condividono con gli estranei.
      Io penso che le aspirazioni che uno ha nella vita e il modo in cui cerchi di raggiungere i tuoi obiettivi qualifichino la persona.
      Se per te questo non è un elemento importante nel modo di essere di una persona, allora si, chiaramente partiamo da visioni totalmente opposte.
      Solo perché viviamo nell’epoca dell’apparire, non significa che dobbiamo avallare e giusitificare questa ossessiva ricerca di visibilità mediatica.

      A me intristisce vedere che una ragazza intelligente e madre (e il discorso maternità io non l’ho mai fatto, ma in questo caso ci sta) abbia come aspirazione quella di diventare tronista. Cosa pensa di ricavarne? :boh

    • si, partiamo da basi totalmente opposte. non perchè non sia d’accordo con ciò che dici, ma perchè la vita e le mie esperienze mi hanno portato a guardare la persona e come si comporta. amen :birra

    • Ma nooo figurati! era per dare una fine, perchè faccio fatica a portare avanti un discorso serio e che andrebbe articolato meglio qui sopra (solo per una questione di “lentezza” e di risposte diilatate nel tempo-del blog, non per altro. su facebook sarebbe stato più semplice, perchè più veloce per esempio). no no nessuna offesa figurati :birra

  2. Anche io valuto la persona e il suo comportamento, ci mancherebbe. Sto solo dicendo che non credo che nella valutazione di una persona sia trascurabile il percorso di vita che sceglie di intraprendere e che considero fatuo quello di chi ha come massima aspirazione la popolarità. Tutto qui. 🙂
    Come ho detto, il discorso dovrebbe essere più articolato ma non è possibile farlo qui. :birra

    • si ma non sono persone orribili anche quelli che deciodno di fare questo percorso. se domani una mia amica o mio fratello facesse un percorso simile non gli toglierei il saluto. e a meno che non si faccia “plagiare” e diventi una persona “vuota” (o poco valida e che fa cose abbastanza discutibili) se rimanesse la stessa persona che era prima, il percorso fatto diventerebbe irrilevante. tutto qua. 😉 :birra

    • Saretta, dai, però cerchiamo di capirci! 😉
      Io non ho mai detto che sono persone orribili.
      Ed è ingenuo, scusami se te lo faccio notare, pensare che restino uguali. Il sistema televisivo e tutto quello che c’è dietro: media, facebook, ecc modifica la loro percezione della realtà.
      Se hai seguito interviste, letto libri o visto film sull’argomento (Reality di Garrone) saprai che questi programmi sono un vero terremoto psicologico. Cambiano la personalità e purtroppo fanno il lavaggio del cervello. Durante la fase del successo queste persone si credono onnipotenti e si sentono amati e idolatrati, dopodiché vengono gettati via e sono costretti ad affronatre la realtà.
      Ma non vedi come si montano la testa e iniziano a fare i divi? E solo per due serate e avere una banda di esaltati che ti stolkerizza! :boh

    • tutto molto giusto. quindi non credo ci sia altro da aggiungere.

      se non che io continuerò comunque a tenermi i miei metodi di valutazione, e tu i tuoi. 😉

    • Saretta, spero tu non l’abbia presa male! 😉
      Nessuna delle due penso intendendesse far cambiare idea all’altra. 😉
      Non era questo il mio scopo e neanche il tuo. Io l’ho vissuto solo come un confrontarci su un argomento! 😉 :birra
      Buona serata! 🙂

    • ho fatto casino coi post, ma ho risposto nel post sopra. 🙂

  3. juless (e saretta)
    ho letto ora il dibattito interessante
    sul primo discorso (quello del “non tutti accorrerebbero a fare reality”) io concordo con juless. posso avere delle simpatie per alcuni personaggi, posso guardare programmi trash e divertirmi, ma mai ne farei parte, mai. e non tanto per giudicare chi lo fa, per un discorso di aspirazioni e di carattere. e credo sia giusto dirlo, perché il messaggio “lo farebbero tutti” non lo condivido per niente, anche quando un personaggio a me simpatico lo ha fatto (esempio: martina ex di alfieri)
    poi concordo anche sul fatto che benché si prendano queste trasmissioni alla leggera bisognerebbe studiare seriamente tutto il contorno, specie quello che a volte è un’eccesso di immedesimazione anche ingenuo. a volte capita pure per i telefilm, i libri ecc., ma con questi programmi il rischio è più alto, forse perché sono persone reali e sono in partenza “persone come noi” che la tv fa passare come “persone che vivono un sogno”..a volte verrebbe da chiedersi quale, ma il discorso è amplissimo, credo ci si potrebbe fare una tesi
    sul secondo discorso, quello della partecipazione che qualifica o meno sono meno radicale. anche io penso che la partecipazione qualifichi un po’, se non altro perché per partecipare e svendere la tua vita privata devi avere un livello di egocentrismo e a volte narcisismo molto più elevati del normale e in partenza non si tratta di persone che amano avere il riserbo che ho io per la mia di vita privata. però è giusto anche ammettere che non tutte queste persone abbiano lo stesso livello di egocentrismo e di “spregiudicatezza” per la propria vita privata. magari poi si è trattato di un momento della loro vita e poi hanno cambiato radicalmente idea.
    e poi, sebbene anche io mi circondi di gente che normalmente non strumentalizza il proprio privato per avere consensi, non posso dire di essere altrettanto radicale rispetto a gente cui piace condividere con estranei molto del loro privato. ho amiche che sul punto la pensano diversamente da me, l’importante per me è che loro rispettino il mio punto di vista ed io il loro (con una purtroppo non è andata così, ma è un’altra storia da non approfondire)
    se un giorno una di queste amiche impazzisse e partecipasse non la “squalificherei” per quello, però i rischi che dice juless sono reali
    comunque, buona notte ragazze :ciao

Inserisci un commento

Not using HHVM