Moreno Donadoni: “Non canto le parolacce per paura della mamma!”

visto

Il vincitore dell’ultima edizione di Amici, Moreno Donadoni è da nove settimane in testa alla classifica di vendita con l’album Stecca: “Non me l’aspettavo. Quando sei ad Amici non hai contatto con l’esterno e non sai cosa accadrà. Molti di noi pensavano a dove sarebbero andati in vacanza e invece…” ha l’agenda piena di eventi. “Quando ho un giorno libero, però, ne approfitto per tornare a Genova. Molti mi chiedono perché non abbia scelto un nome d’arte, ma quando sono nato i miei volevano darmi un nome originale, così ne scrissero alcuni su dei bigliettini ed estrassero Moreno: ecco perché me lo sono tenuto. E poi, con un nome strano, mi sentirei un Pokémon! A volte le parolacce servono, ma io credo che dei contenuti si possano esprimere anche senza. Parto dal presupposto che se mia mamma sentisse arrivare certe frasi da colleghi o amici, prenderebbero una bella cucchiaiata sulle mani, alla vecchia maniera. Ho visto che nei freestyle posso essere più creativo se non uso parolacce e poi quando le uso sono più incisive. Mio padre, invece, ha provato a “impormi” il tifo per il Napoli, ma io tengo per la Juventus. Per 15 anni ho giocato nell’Amicizia Lagaccio e mi sentivo Giovinco, ma un anno fa ho smesso: col lavoro non tenevo i ritmi. Ora spero di giocare nella Nazionale Cantanti!”. Moreno è semplice anche nei rapporti sentimentali e porta spesso con sé la sua fidanzata Ilaria: “Vivo a Genova, dove studio Giurisprudenza, ma nei weekend torno a Casale Monferrato, dove faccio la barista. A dicembre dovrei laurearmi. Di Moreno mi ha colpito la spigliatezza” dice lei.

Fonte: Visto

 

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM