Leonardo Greco a IsaeChia.it: ‘La mia storia con Jessica Viggiano è finita. Ed è solo colpa mia..’

Leonardo Greco e Jessica Viggiano

Nei giorni scorsi ci sono arrivate moltissime segnalazioni riguardanti l’ex tronista di Uomini e Donne Leonardo Greco e la fidanzata Jessica Viggiano, che riportavano qualche stranezza sia nelle loro fanpage che nei loro profili Facebook: ‘Si sono tolti reciprocamente l’amicizia’, ‘Nelle loro pagine cancellano i commenti che chiedono come proceda la storia’ e così via. Dalla mail si è poi aggiunta anche la testimonianza di una blogghina che lo scorso giovedì era a cena nello stesso locale dove l’ex tronista festeggiava il suo 31esimo compleanno:

Ciao e complimenti per il vostro blog! E’ veramente aggiornatissimo! Volevo segnalarvi che ieri ero nello stesso ristorante (in via Montegrappa) in cui Leonardo Greco stava festeggiando il suo compleanno con la figlia, i genitori, la sorella il suo ragazzo… ma la Viggiano non c’era! E’ arrivata anche la torta, ma lei non c’era neanche alla fine del pasto! Si saranno lasciati? Dai post che scrive pare proprio di si… Anna

Noi di IsaeChia.it abbiamo contattato Leonardo per sapere se le voci erano fondate, e l’ex tronista ci ha risposto con una lunga lettera dove mostra un lato inedito di sé, più intimo e personale. Eccovi le sue parole:

Ciao Isa e Chia… Allora, vi vorrei parlare un po’ di me per spiegare le decisioni che ho preso negli ultimi anni della mia vita. Avevo 23 anni quando ho conosciuto la mia ex moglie ed è proprio da qua che voglio partire a raccontare: mi innamorai tantissimo di lei, a tal punto da farci una figlia, la piccola Sofia. Purtroppo le cose tra me e la mia ex moglie non andarono bene, e questo fu un tremendo colpo per me.. Vidi una vita stupenda sgretolarsi e diventare un incubo. Dopo che ci separammo iniziai ad affrontare la vita in una maniera completamente diversa e incominciarono molteplici problemi.

Non solo mi ritrovai a 25 anni con una figlia, ma in più la separazione mi aveva portato a perdere il lavoro e a non avere praticamente un euro in tasca. Attraversai un periodo di forte depressione e dentro di me era cresciuto un muro di diffidenza nei confronti del mondo intero. Credo che se non avessi avuto una famiglia alle spalle sarei finito sotto i ponti. Grazie a loro sono riuscito ad andare avanti, mi offrirono nuovamente un appoggio a casa e dopo un po’ trovai lavoro presso una catena di supermercati.. Iniziai a lavorare come Cdn (carriera direttiva di negozio), facevo tantissime ore e orari allucinanti, svegliandomi alle 3 del mattino per rifornire il negozio e chiudendolo all’una di notte. Il lavoro era talmente impegnativo che avevo difficoltà anche a vedere mia figlia.. Dentro di me cresceva una rabbia spropositata: volevo la mia indipendenza, volevo la mia libertà, ma lo stipendio non mi permetteva nulla di tutto questo perché dovevo pagare il mantenimento e la rata della macchina, perciò decisi di integrarlo con qualche serata come animatore di latino americano. In quel periodo credo di aver raggiunto il massimo picco di depressione, persi quasi 10 kg e odiavo la razza umana..

Ho voluto raccontare questo perché da qua parte tutto.

Conobbi una ragazza, avevo 26 anni, fui molto coinvolto.. ma dentro di me qualcosa era cambiato, provavo cose che in precedenza non avevo mai sentito (gelosia, rabbia, possessività e diffidenza), quindi il rapporto non era sereno, non stavo bene, mi chiudevo in me stesso. Avevo ancora paura di soffrire, e la relazione terminò, anche in questo caso non benissimo. Sapevo che c’era qualcosa che non andava in me.

Un anno dopo arrivò l’esperienza di Uomini e Donne. Stavo meglio, non pensavo più ai miei problemi, ero distratto. Uscito dal programma ero convinto di aver risolto il problema: ho conosciuto Diletta Pagliano e con lei andava tutto bene. Poi iniziarono i primi litigi, le prime discussioni e insieme ad esse riapparvero la diffidenza, la paura di star male, gli attacchi di panico la notte, LA PAURA DI SOFFRIRE. Fu un rapporto molto intenso ma finì: io ne uscii frastornato, spaesato, confuso.. Ma non volevo rimanere ancora solo, e quindi una semplice amicizia con Misha Marculet diventò -anzi, la feci diventare- una relazione. Cercavo disperatamente di star bene, di superare questo problema.. Ma cosi non fu… i problemi rimanevano.

Qua entra nella mia vita Jessica, una ragazza speciale.. Con lei credetti di poter star bene, di risolvere tutti i miei problemi di paure, di ansie, di insicurezze.. CON LEI HO SBAGLIATO TUTTO! Lei è davvero una persona speciale, una bravissima ragazza con un gran cuore, ma circa due mesi fa iniziarono a tornare i mostri del passato.. Li sentivo dentro di me, ma ho voluto combatterli senza dire nulla. Ero talmente concentrato su di loro che iniziai a raffreddarmi nel rapporto, continuando comunque a cercar di non far trapelare nulla. Pensai che le vacanze insieme in Basilicata erano ciò che poteva farmi star meglio, ma così non è stato. Sono tornato dalle ferie e stavo peggio, molto peggio: ero nervoso, assente, cercavo di star solo nel mio.. sapendo di avere vicino una ragazza che non meritava per niente tutto ciò!

Per questo sono arrivato a mettere fine a questa relazione: perché IO ora non sono in grado di avere una relazione. Sapevo che portare avanti ancora la storia tra me e Jessica avrebbe fatto star male me, ma SOPRATTUTTO LEI.. Per questo ho preso una decisione all’apparenza improvvisa, perché sono stanco di star male e di far soffrire persone che non c’entrano nulla con il mio passato… Non è giusto legare la vita di altri alla mia quando io ancora non ho risolto i miei problemi.

Ora voglio stare solo, ora voglio risolvere questo problema e voglio dedicarmi alla mia piccola… Forse un giorno riuscirò a star bene e far stra bene chi mi sta vicino. La sincerità fa soffrire ma è più dignitosa dell’inganno! Ciao ragazze, un bacio.. Leo

About Chia

101 commenti

  1. Ho letto quello che ha scritto Leonardo e sinceramente non me l’aspettavo per nulla…a prescindere dalle simpatie o antipatie, non credevo che dietro quella faccia simpatica e quella comicità ci fosse un ragazzo così tanto fragile. Purtroppo per stare bene con gli altri si deve prima stare bene con sè stessi…auguro a Leo di ritrovare la sua serenità e di non “rifugiarsi” in persone che non meritano di soffrire. In bocca al lupo Leo :bacio

  2. Stavolta il mio commento non sará farina del mio sacco :ice citeró solo le parole del caro Greg Behrendt:
    Non esistono uomini spaventati, confusi, disillusi.
    Non esistono uomini tragicamente segnati dalle passate esperienze, bisognosi d’aiuto, bisognosi di tempo.
    Gli uomini si dividono in due categorie soltanto: quelli che ti vogliono e quelli che non ti vogliono. Tutto il resto è una scusa.
    :birra :birra :birra

  3. mi dispiace. sinceramente
    a me leonardo non è mai stato particolarmente simpatico, gliene ho un po’ dette quando c’è stata l’occasione
    ma di fronte a uno sfogo così, sarò debole di cuore ma non riesco a pensare sia fatto per tornare al centro dell’attenzione
    sembra proprio uno di quegli sfoghi terapeutici (nel senso che vengono fuori in momentacci, non è poi detto che risolvano purtroppo), sembra troppo “vero” per poter essere una fregnaccia (e ci vuole anche coraggio, specie uno “esposto” come lui :sisi )
    auguro a leonardo di venir fuori da questo vortice che non ho competenze per definire ma che purtroppo mi fa pensare allo stron*issimo (permettetemelo) male oscuro. il come lo deciderà lui (o magari semplicemente capiterà).
    io gli auguro di riuscire a scrollarsi di dosso fantasmi vari e andare davvero avanti. e magari di essere tanto fortunato da avere comunque delle persone che non lo abbandonino e gli stiano accanto in questi momenti anche se si dovesse “spengere” un po’

    ps. sulla questione psicologi/psichiatri (scollegandomi dal greco, nel senso di non considerarlo a priori nel discorso). purtroppo è vero che in giro c’è ancora chi li guarda con molta diffidenza e chi guarda con un bel po’ di pregiudizio chi vi si rivolge. eppure sta cosa la si dovrà pur sconfiggere, e di certo emarginare chi la soffre o la affronta temo che renda l’impresa se non impossibile piuttosto difficile.
    io confesso di guardarla con timore, nel senso che non basta un antibiotico e mi inquieta un po’ pensare come potrebbe reagire la nostra mente.
    ma cominciare a guardare il tutto come qualcosa di non anormale potrebbe aiutare, forse. se poi ci sono attacchi di panico credo sia d’obbligo cercare di risolvere la cosa a fondo

    pps. posso dire una cosa facile facile?
    non siamo scienza infusa. non credo esista un metodo universalmente valido per reagire ai piccoli o grandi traumi che ci possono capitare (un matrimonio che va male e la “perdita” sia pur in senso lato di una persona che consideravamo centrale nella vita può essere un bel po’ destabilizzante). e (da perfetta ignorante in materia) dire a una persona che sta soffrendo/non riesce a superare totalmente qualcosa che sì, ci sono proprio cose ben peggiori nella vita! non mi è mai sembrata una bella mossa. almeno, capitasse a me ho sempre avuto chiaro che non sopporterei discorsi così, anche se detti sicuramente in buona fede e con tutta la tranquillità del mondo. soprattutto detti così, crudi e letterali, e pur potendo condividere il concetto (ma trattasi di pensiero personalissimo, diciamo che ho avuto l’occasione di esternarlo 😉 )

  4. ppps. mi dispiace pure per la ragazza, jessica, molto carina nel modo di porsi (specie davanti a critiche, va detto)
    speriamo non si senta in colpa/in difetto di qualcosa

  5. beh..sicuramente la lettera è vera ma…
    Mi chiedo ma quando Leonardo a 23 anni ha fatto la figlia a 25 pensava che in seguito alla separazione questa sparisse??e’ ovvio che (doveva e) deve mantenere la piccola e la ex moglie…anzi doveva pensarci prima che l’amore può non essere eterno, soprattutto in tenera età, ma i figli si!! Quindi secondo me la rabbia e il rancore che serba dentro nei confronti di qualunque relazione che con il tempo potrebbe diventare seria è quello tipico di tutti gli uomini separati che devono passare il mantenimento a moglie e figlia…. e non hanno intenzione di fare il bis…..come dargli torto…. :chapeaux

Inserisci un commento

Not using HHVM