Fattore M: spazio dedicato a Marco Mengoni. Il countdown per la partenza della terza tranche de “L’essenziale Tour”. La candidatura agli MTV European Music Awards 2013. L’intervista ed il servizio fotografico per “L’Officiel Italia”. Le parole di Samuele Bersani e Massimiliano Giornetti della maison Ferragamo…

Marco Mengoni

( rubrica a cura di Valentina P.)

Salve a tutti! Manca ormai meno di una settimana all’inizio della terza tranche de “L’essenziale Tour”, che ripartirà dal Teatro Arcimboldi di Milano con una trionfale doppietta di sold-out, precisamente il 25 ed il 26 settembre. Secondo i miei calcoli, anche in questa terza fase della tournee verrà riproposto a grandi linee lo stesso spettacolo visto sino a questo momento; non foss’altro per il fatto che in queste settimane Mengoni&Staff sono impelagati con la fase di montaggio e messa a punto del DVD del tour che, girato a Taormina il 26 agosto scorso, dovrebbe vedere la luce a fine anno. Ed inglobare tutta una serie di “contenuti speciali” legati alle iniziative video-fotografiche lanciate sul profilo ufficiale del Mengoni nei mesi scorsi.

Detto ciò, il notiziONE della settimana riguarda la candidatura di Mr. Marco Mengoni agli MTV European Music Awards 2013, manifestazione che quest’anno si celebrerà il 10 novembre prossimo presso lo Ziggo Dome di Amsterdam. Ebbene sì. Dopo il magico 2010, quando Marco vinse a mani basse prima il Best Italian Act, e successivamente il Best European Act – primo ed unico italiano a salire sul gradino più alto del podio europeo per MTV – ecco che quest’anno si replica. Ma con uno step ulteriore rispetto al passato. Quest’anno infatti il meccanismo prevede una prima fase per l’elezione del Best Italian Act (si può votare dalle ore 12.00 del 17 Settembre alle ore 23.59 del 24 Ottobre 2013) in cui sarà possibile scegliere il candidato preferito tra quelli chiamati a rappresentare l’Italia, ovvero Emma Marrone, Fedez, Max Pezzali, Salmo ed ovviamente Marco Mengoni (QUI il link per votare Marco, da regolamento si possono dare 100 voti al giorno!). Il vincitore sarà annunciato il 25 Ottobre. Si aprirà a quel punto la fase 2 di gara, in cui il vincitore del Best Italian Act sfiderà i vincitori degli altri Paesi europei e, in caso di vittoria, rappresenterà l’Europa del Sud nel mondo (dato che, per l’occasione, il mondo è stato suddiviso in 10 macro-regioni e noi rientriamo nella Europe South, of course!). Infine, la vera novità riguarda l’inserimento di una fase 3, per la proclamazione del Worldwide Act, cioè del miglior artista al mondo secondo MTV. Dopo tutta sta’ spiegazione, ci tengo a dire che io non sono favorevolissima a questo tipo di concorsi (specie quando sono esclusivamente legati al voto delle fan-base!) ma il palco di MTV ha un livello di risonanza mediatica extra-nazionale abbastanza elevato da meritare un convinto strappo alla regola. Quindi, via al voto, olè!
E a proposito di palchi internazionali, basti pensare all’enorme successo di pubblico seguìto all’esperienza dell’ESC 2013, che è valsa al Mengoni valanghe di consensi stranieri (decine di persone sono volate in Italia quest’estate, per assistere ad una o più date de “L’essenziale Tour”!) e l’ingresso nelle classifiche iTunes di tutta, e dico tutta Europa. Per chi volesse, QUI l’ultimo articolo dedicato a Marco sul sito ufficiale dell’Eurovision Song Contest.
In sostanza, a me pare che i tempi per un lancio estero della carriera di questo prodigioso 24enne siano decisamente maturi, e dunque occasioni di respiro più “internazionale” – concorsi, festival, e chi più ne ha, più ne metta! – siano manna dal cielo. O no?

Chiusa la parentesi musicale, ne apro una più squisitamente modaiola. Come più e più volte appurato, il Mengoni è una vera e propria icona di stile, anche a detta degli addetti ai lavori. Sta di fatto che questa settimana sulla prestigiosa rivista di moda “L’Officiel Italia”, è stato pubblicato un servizio su Marco con tanto di intervista, oltre ad un paio di scatti artistici – realizzati dal fotografo Emilio Tini – che lo ritraggono in versione “Mercurial Hero” by Ferragamo, tutto patinato e scintillante (QUI l’articolo e QUI uno dei due scatti):

Marco Mengoni

Da notare l’ultima parte dell’intervista in cui il Mengoni sostiene che gli piacerebbe iniziare la sua prossima mail nientepopodimeno che con un “Hola todos, que tal?”. Cioè in lingua spagnola. Che sia il suo modo di ufficializzare il prossimo lancio estero di #prontoacorrere?

E sempre a proposito di moda&dintorni, queste le parole pronunciate pochi giorni fa da Massimiliano Giornetti della maison Ferragamo (in riferimento alla partecipazione di Marco alla sfilata Ferragamo per la Men Fashion Week Primavera/Estate 2014):
……………………………………………………………………………………………………..
“In tanti anni di contatto con personalità celebri, solo due volte ho incontrato una consapevolezza totale del proprio corpo. La prima fu con Ryan Gosling. Ora, la seconda, con Marco Mengoni. Prima dell’ultimo show, mi disse che aveva un problema con i capelli, che non sapeva cosa fare. Mi disse che si sarebbe messo un turbante. Quando arrivò alla sfilata sembrava un principe indiano”.
……………………………………………………………………………………………………..

che dimostrano come la forte personalità del Mengoni vada ben oltre il palcoscenico.

Voltando pagina, come avviene ormai quasi ogni settimana, mi tocca registrare per l’ennesima volta parole di apprezzamento di un rappresentante del mondo della musica nei confronti del nostro Marco. Questa volta tiriamo in ballo Samuele Bersani, reduce dal grande successo del suo ultimo, prezioso singolo, “En e Xanax”, il quale durante uno showcase a Firenze ha pronunciato le seguenti parole:
……………………………………………………………………………………………………..
” Quelli usciti dai talent per il 99 per cento mi deprimono. Poi però c’è Marco Mengoni che quando canta “Ciao amore ciao” io lo guardo come si guarda un gigante.”
……………………………………………………………………………………………………..

Per dovere di cronaca, i presenti hanno riportato che queste parole sono arrivate alla fine di un lungo discorso sulle modalità organizzative dei talent, che Bersani ha “smontato” in tutte le loro parti, precisando che il fatto che la maggior parte dei partecipanti lo deprima non significa che li disprezzi, bensì che gli dispiace per loro perché nella stragrande maggioranza dei casi vengono prima esaltati e poi abbandonati a sé stessi. Ha aggiunto che pochissimi hanno la personalità per emergere davvero, citando Mengoni come unico esempio. Mia nota a margine: ogni volta che Marco riceve un attestato di stima, arriva sempre in maniera assolutamente non forzata. Ovvero, non si tratta di risposte alla paraculissima domanda: “Cosa ne pensi di…?” bensì di scegliere un nome tra tanti. E tra i tanti – chissà perché? – gli addetti ai lavori, i musicisti, scelgono sempre quel nome. E non da oggi, da sempre.

Prima di salutarvi, oltre a rinnovare la mia felicità per l’inarrestabile ascesa di #prontoacorrere in FIMI – che a sei mesi dal lancio, sale invece di scendere in classifica! – e per l’ottimo riscontro radiofonico che anche il terzo singolo “Non passerai” sta ottenendo (a proposito, questa settimana è “Power Hit” su RTL 102.5!), vi propongo il consueto estratto amatoriale da “L’essenziale Tour”. Questa settimana scelgo un brano che – a mio parere! – è il vero fiore all’occhiello di questa tournee, pur non appartenendo all’album #prontoacorrere. Si tratta di “Tonight”, pezzo in lingua inglese di “Solo 2.0”, che forte di un nuovo elegantissimo arrangiamento e arricchita da un’interpretazione di straordinaria intensità, costituisce senza dubbio il momento emotivamente più “alto” dello show. Una perla, nella sublime versione del Teatro di Verdura, a Palermo:

La migliore versione fino a questo momento, secondo me. Un volo da fermi.
Prima di chiudere definitivamente questa rubrica, ripropongo la straordinaria situazione aggiornata delle date de “L’essenziale Tour”:

Milano (25 settembre, SOLD OUT)

Milano (26 settembre, SOLD OUT)

Roma (28 settembre, SOLD OUT)

Bologna (1 ottobre, SOLD OUT)

Roma (6 ottobre, QUI i biglietti)

Napoli (9 ottobre, SOLD OUT)

Firenze (11 ottobre, NON DISPONIBILE)

Torino (12 ottobre, SOLD OUT)

Torino (17 ottobre, QUI i biglietti)

Firenze (19 ottobre, NON DISPONIBILE)

Milano (20 ottobre, NON DISPONIBILE)

Milano (22 ottobre, QUI i biglietti)

In pratica, i giochi sono fatti. Alla prossima settimana!

About Isa

4 commenti

  1. Il commento di Bersani su Marco è … :cuore :cuore :cuore

    Io credo che la vera svolta nella carriera di Marco non sia stata tanto la vittoria di Sanremo con ‘L’essenziale’ quanto proprio quella sera in cui cantò ‘Ciao amore ciao’. Lì ha avuto l’occasione di far vedere cosa è capace di fare a 10 milione di persone. :sisi Moltissimi scettici hanno cambiato idea in quel momento.

    Credo che comunque dopo i commenti di Bersani, Fossati e DE GREGORI (in mezzo ai tantissimi altri,eh) Marco abbia proprio raggiunto l’estasi!!! :ghigno

  2. mamma mia ragazzi..questo chissà come diventa a trent’anni!è sempre più affascinante :bacio cmq a me piace quando canta le canzoni di Gaber…

  3. Siccome oggi sono al secondo giorno del ciclo, ed ho l’acidità in punta di lingua, lo dico: in 4 anni, ho fatto un’analisi della tipologia media dei detrattori di Marco. Ebbene, sono giunta alla conclusione che chi lo DENIGRA (non parlo di chi non lo ama, quelli sono gusti sacrosanti! 😉 ) e lo reputa professionalmente un mediocre, è generalmente un ignorante patentato (nel senso peggiore del termine… di quelli con la mentalità ottusa!), omofobo, nonchè privo di gusti e cultura musicali. :sisi :sisi , Questo il mio identikit, stilato in anni di esperienza sul campo. L’unica eccezione a questa regola è stato Andrea Scanzi, che rivolse a Marco parole poco gradevoli all’indomani del Festival Gaber 2011. Ma secondo me lo porta sulle pelotas A PRESCINDERE, non si spiega diversamente. :sisi
    Per il resto, ribadisco che TUTTI i grandi della musica hanno sempre espresso commenti entusiastici su Marco, reputandolo “uno di loro” sin da quando il povero ragazzo cantava quella nenia di “Dove si vola”. Rendiamoci conto. :stars
    E non penso che gente come Zero, Dalla, Mina, Celentano, avesse qualche tornaconto personale a dire W Mengoni. 😀

    Per il resto, concordo con Isa sul fatto che Mengoni abbia vinto Sanremo quel venerdì sera, con “Ciao Amore Ciao”. E’ il solito discorso delle cover: Marco con i pezzONI fa puntualmente mirabilie: l’unica differenza è che stavolta aveva 10 milioni di persone ad ascoltarlo, a XF qualcuno di meno! 😛

Inserisci un commento

Not using HHVM