Mika: “Io non sono… Mika scemo a mettermi contro Morgan”

Visto

Quest’anno a X Factor, al posto della cantante Arisa, è stata scelta una star di livello internazionale, Mika: “Quando me l’hanno proposto ho detto: “Ma che, siete matti? Cosa c’entro io con un programma italiano?” Tra l’altro mi avevano chiesto di partecipare anche ad un talent francese, ma ho scelto l’Italia. Il vostro Paese è molto più legato alle gare canore, basta vedere il festival di Sanremo. E poi ho accettato perché volevo imparare l’italiano. Diciamo che per ora me la cavo: Elio ogni volta rimane sorpreso quando uso i congiuntivi. Noi giurati siamo una tribù di scalmanati: Simona Ventura è una gatta che sa tirare fuori le unghie al momento giusto, è furba ma protettiva e ci bacchetta tutti. Elio è il professore, il maestro che ognuno vorrebbe, con un’ironia sottile, un po’ british e Morgan il genio ribelle che strega con la sua magia. Non è vero che l’ho messo in ombra: ha carisma e cultura e da lui c’è sempre da imparare. Ama stupire, ad esempio vestito da David Bowie era inguardabile! Penso che le concorrenti della mia squadra siano le più forti in assoluto: Valentina deve tenere a bada l’emotività ma può fare grandi cose, Gaia sta crescendo e dando prova di carattere, Violetta deve vincere la diffidenza della gente. Da ragazzino ho avuto molti problemi perché soffro di dislessia e questo mi ha creato molte insicurezze: mi sono sentito diverso e stupido. Poi per fortuna ho scoperto la musica ed è cambiato tutto: non ho risolto il programma, ma l’ho accettato e ho smesso di sentirmi sfigato. Alle mie concorrenti cerco di trasmettere energia: X Factor non è un gioco, ma un’occasione per chi vuole fare questo mestiere. Temo gli Ape Escape: hanno grandi potenzialità e sono discograficamente già pronti. Per scegliere le canzoni, ho ascoltato tanta musica italiana. Mia mamma mi faceva ascoltare Mina e Paolo Conti, ora apprezzo Tiziano Ferro e soprattutto Jovanotti. Ho preso casa e uno studio di registrazione a Milano e seguo sempre Sanremo, che tira fuori il mio lato romantico”.

Fonte: Visto

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM