Federica Panicucci: Nel rifugio di Babbo Natale

Chi

La conduttrice Federica Panicucci racconta il suo viaggio nel paese di Babbo Natale: “E’ stato fantastico. Io e mio marito, il dj e produttore Mario Fargetta avevamo preparato i bimbi a una grande emozione, ma non li ho mai visti così coinvolti. Quando li abbiamo visti allontanarsi sulla neve sulla slitta di Babbo Natale, ci siamo commossi. Abbiamo detto ai nostri figli che solo alcuni bambini erano così fortunati da incontrare Babbo Natale. Loro chiedevano come facessero le renne a volare e Babbo Natale ha risposto: “Queste non le vedrete volare, quando consegno i regali, porto delle renne speciali” e poi ha chiesto loro qual era il regalo che desideravano. Io e mio marito abbiamo ascoltato bene, così che potessero esserci davvero! Abbiamo vissuto l’emozione di quest’incontro con gli occhi dei nostri figli e la favola della Lapponia addobbata. Io ho chiesto a Babbo Natale di fermare il tempo, perché oggi ho tutto quello che mi serve, non voglio altro. Magari lo aspetto sul divano di Mattino Cinque, manca solo lui!”. Poi la Panicucci parla del rapporto col marito: “Non è stato un colpo di fulmine, lui era diversissimo dagli uomini che avevo intorno, ma questo è stato il suo valore aggiunto. E’ rimasto romantico e sorprendente come quando l’ho conosciuto. Vogliamo che i nostri figli facciano una vita normale e imparino a conquistarsi i privilegi. Io sono quella che impone regole “svizzere”. Sofia canta e suona il pianoforte, ha preso molto dal papà. Mattia assomiglia a me da piccola: un giullare! Ho pensato tanto a un terzo figlio, ma non l’ho cercato e ora è troppo tardi, ma va bene così: la famiglia è completa”. E quando le si fa notare che è in tv da 26 anni, risponde: “Lo speravo, ma non potevo prevederlo. Mi sento di essere nel pieno del mio lavoro e ciò mi appaga moltissimo. Cerco di raccontare senza mai andare oltre, di essere discreta ed elegante: sogno una prima serata pulita, che possa vedere tutta la famiglia”.

Fonte: Chi

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM