Fattore M: spazio dedicato a Marco Mengoni. il Best Show 2013 a “L’ESSENZIALE TOUR”

Marco Mengoni

(rubrica a cura di Valentina P.)

Salve a tutti! Settimana oserei dire “tiepida” sul fronte mengoniano, specie se confrontata con i ritmi a dir poco frenetici sostenuti dal cantautore ronciglionese negli ultimi 12 mesi della sua sfavillante carriera in libera ascesa. Sappiamo che si fa sempre più imminente il lancio in terra spagnola di “Incomparable”, versione in castigliano de “L’essenziale”, il brano italiano più scaricato del 2013, nonché vincitore della scorsa edizione del Festival di Sanremo. La garanzia dell’imminenza del lancio ci è stata data pochi giorni fa durante una puntata di “Mujeres y hombres y viceversa”, versione spagnola del nostro “Uomini e Donne”, dove – a partire dal minuto 27.12, stile fulmine a ciel sereno! – è partita la voce del nostro Marco come sottofondo a un’esterna. E io sono partita per altri lidi:

Video

Clicca sull’immagine per vedere il video

Mengoni, ma che voce hai? Avrò ascoltato questo pezzo una milionata di volte, ma nella registrazione in castigliano la voce assume nuovi colori e sfumature. Un gioiello, questo pezzo! E come se non bastasse, nel video sono stati messi in risalto e il nome dell’artista, e il titolo del brano. Nel caso ci fossero stati dubbi a riguardo della splendida colonna sonora.
Noi comunque aspettiamo l’ufficializzazione del lancio, e soprattutto il pezzo completo su iTunes. E nel frattempo, scalpitiamo come cavalli impazziti.

Voltando pagina, mi tocca rettificare un discorso affrontato nella rubrica di Capodanno, allorquando il Mengoni – direttamente dal palco di Rimini – volle condividere con il pubblico la sua felicità per vittoria de “L’Essenziale Tour” come “tour più bello dell’anno”. Ebbene, non si riferiva agli “Onstage Awards 2013” come ipotizzato inizialmente, bensì alla sesta edizione del Best Show “Pepimorgia” – premio che la testata Sound&Lite attribuisce alla “produzione italiana che meglio si è distinta per originalità, uso creativo delle tecnologie, qualità e rispetto per il pubblico” (QUI l’articolo ufficiale). Un premio prestigiosissimo, per una serie di motivi. In primis, perché scelto da una giuria tecnica e competente… non me ne vogliano i “votatori” compulsivi della fanbase mengoniana, ma non c’è paragone! In secundis, perché i predecessori di Marco sono Elisa, Ligabue, Ramazzotti, Jovanotti e Tiziano Ferro… #micacotiche. Infine, per le motivazioni del premio, che sono davvero cose di cui andar fieri:
……………………………………………………………………………………
“Si aggiudica il Best Show 2013 “L’ESSENZIALE TOUR” di Marco Mengoni.

Una produzione che, pur dimensionata per le venue teatrali, ha saputo distinguersi per una grandissima qualità. Una band eccezionale ha accompagnato un artista emergente dal grandissimo talento, in grado di tenere la scena con carisma e notevoli doti tecniche. Il team di eccellenze radunato dalla produzione ha dimostrato il proprio valore nel campo della diffusione musicale, con un audio impeccabile e coinvolgente, e con una scenografia che, per quanto quasi esclusivamente floor, si è rivelata sempre varia ed eccezionalmente creativa, aggiungendo valore ed emozione allo spettacolo, riuscendo nell’intento di contenere la band, i video e le luci in un unico blocco compatto e architettonicamente definito.

Crediamo che L’ESSENZIALE TOUR sia un esempio di come la qualità artistica, la creatività e le idee contino spesso più del budget, e siano il vero presupposto per un grande show”.
……………………………………………………………………………………

E il direttore della rivista Sound&Lite, Alfio Morelli, ci ha tenuto a sottolineare come il valore aggiunto di questa tournee sia stato la capacità di coniugare poche risorse con un risultato di eccellenza in tutti i comparti. Non dunque una mega-allestimento materialmente ed economicamente oneroso, ma poche ed efficaci idee curate nei dettagli. Per chi volesse, QUI un approfondimento tecnico in cui si sviscera tutto il possibile su “L’essenziale Tour”.
Per il resto, che dire? Ari-complimenti Mr. Mengoni!

Terza e ultima notizia di questa settimana riguarda la sezione “Classifiche&affini”. In pratica, a partire dal 1 gennaio 2014 la FIMI ha abbassato tutte le soglie per le certificazioni musicali. Il provvedimento è retroattivo, e dunque sono interessati da questa riforma anche i dischi usciti prima di questa data. Morale della favola? Il nostro Marco si ritrova con qualche certificazione in più: è stato infatti insignito del triplo platino nientepopodimeno che “Re Matto” (febbraio 2010), secondo EP del Mengoni, con oltre 150mila copie vendute (fino allo scorso anno, la soglia era di 180mila copie). E grazie a questo artificio, anche il triplo platino per #PRONTOACORRERE potrebbe non essere una chimera. Soprattutto adesso che l’album è rientrato in top ten grazie all’effetto ”Capodanno in Musica”, che la scorsa settimana lo ha fatto balzare dalla posizione 16 alla posizione 7 della classifica FIMI. A ben 42 settimane dall’uscita.
Sul fronte singoli, invece, si registra il triplo platino per #L’essenziale, con oltre 90mila copie vendute. Ma sono certa che questo numero è destinato a salire ancora, ancora e ancora.

Prima di chiudere la rubrica, ci vuole un video coi fiocchi, giustamente tratto dalla strepitosa performance del Capodanno a Rimini. Questa settimana ripropongo un pezzo ad alto tasso energetico: mi riferisco a “Come ti senti”, traccia numero 6 di quella perla di album intitolato “Solo 2.0”. Un brano molto ironico e auto-ironico, per certi versi geniale, nella cui interpretazione emerge la potenza teatrale di Marco. Anche un sordo potrebbe “sentire” questo pezzo, solo guardando la mimica dell’interprete sul palco.

Video

Clicca sull’immagine per vedere il video

E scusate la mia leggerissima predisposizione per i brani di “Solo 2.0”, che – a dispetto di uno scarso riscontro in termini di vendite! – rappresenta a mio parere il top della discografia di questo strepitoso giovane artista. Alla prossima settimana!

About Isa

Un commento

  1. Altre soddisfazione per il Mengo :ole
    Sono molto curiosa di sentire l’album in spagnolo

Inserisci un commento

Not using HHVM