Maurizio Costanzo: “Ho un bypass al cuore da dieci anni e sono stato di nuovo male, ma ora torno in tv!”

Di Più

Gli ultimi mesi sono stati molto difficili per il padre del talk show, Maurizio Costanzo: “Anche l’altro giorno io e mia moglie Maria De Filippi abbiamo discusso perché non sono un bravo “paziente”: rifuggo le cure e non sopporto determinate regole per stare meglio. Però lei ha ragione, devo imparare ad amarmi di più. Devo farlo anche per i telespettatori, che presto mi vedranno con Si è fatta notte, interrotto bruscamente lo scorso autunno. Oggi sto benissimo, ma quella che si preoccupa è Maria, teme che io ricominci a trascurarmi. Sono sempre stato bravo a defilarmi, ma stavolta non posso più sgarrare. Sono stato operato all’ospedale San Raffaele di Milano: da un po’ avvertivo dei disturbi, dovuti anche ai miei problemi di cuore, che man mano mi hanno logorato. Una volta dimesso, sono stato messo a riposo “forzato”. Io non sono abituato a stare fermo, devo lavorare, tenermi impegnato, ma ho cercato di fare il paziente perfetto. Nel 2004 mi hanno applicato un bypass e da allora la mia vita è cambiata. Non mi ero mai chiesto: “Maurizio, stai bene?” e il lavoro aveva sempre avuto la meglio. I dottori mi avevano detto di prendere una serie di medicine, ma ho perso il conto. E’ sfibrante, prenderle regolarmente, così come lo è fare visite, ecografie, angiografie, ecodoppler…In una cosa sono stato bravo: smettere di fumare. I medici mi hanno imposto di bere almeno due litri d’acqua al giorno, ma io odio bere così tanto, così ho messo una cannuccia e bevo anche senza accorgermene. Sto facendo del mio meglio per Maria: siamo sposati da quasi vent’anni e sono volati. Lei è la mano nella quale voglio morire. Molti penseranno che a casa parliamo solo di lavoro, ma non è così. Siamo una coppia come le altre, parliamo di tutto, bisticciamo. E poi c’è nostro figlio adottivo Gabriele, ed è una festa quando vengono a trovarci i miei nipoti: ho imparato a fare anche il nonno e a guidare il passeggino. Ho sempre scherzato sulla morte, immaginato il mio funerale, ma a Maria dico sempre che ho ancora tanto da fare: oggi sogno un viaggio in Asia, ma la vedo dura, non solo per la mia salute, ma anche per Maria. E’ lei quella più stanziale nella coppia!”

Fonte: Di più

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM