Roberto Farnesi: “Vi svelo i piaceri della carne!”

Visto

Grazie alla partecipazione a Ballando con le stelle, l’attore Roberto Farnesi ha mostrato il lato più autentico di sé, quello da vero toscanaccio: “Sto troppo bene qui a Pisa: c’è il mare poco lontano, il parco di San Rossore dietro l’angolo, l’aeroporto a pochi minuti” ma soprattutto, è lì che ha la fidanzata, Rausy Giangaré Parkin, e il suo ristorante La griglia di Varrone, dove la specialità è la carne. “E’ un posto particolare, che non vi aspettereste di trovare a Pisa, ma piuttosto in giro per il mondo. E’ un vecchio cascinale ristrutturato, con degli elementi originali lasciati a vista, ma con un design moderno e un nuovo parquet. Ha ogni tipo di clientela, dai Vip agli operai. L’idea è nata per caso: mangiando spesso fuori per lavoro, l’idea ce l’avevo in testa da un po’. La svolta è arrivata cenando alla Griglia di Varrone di Lucca: la formula di un ristorante dove si mangia carne alla griglia mi è piaciuta così tanto che con il proprietario lucchese è nata l’idea di aprirne uno qui in società. Io sono un carnivoro e mi piace l’idea di far assaggiare ogni tipo di carne, dal black angus alla chianina al salame spagnolo, il tutto accompagnato da oltre 200 etichette di vini. Ormai è il mio salotto, ci trascorro molto tempo”. Dopo aver rivelato di non saper cucinare e di esser legato alla schiacciatina con la torta di ceci, tipica di Pisa, quando gli si chiede se è vero che le fan, prima di prenotare, chiedono se ci sarà lui, dice: “Certo è chiaro, ma non vengono solo per me. Se il cibo fosse cattivo, non tornerebbero. La cosa carina è che a volte rispondo io a telefono e facciamo delle belle chiacchierate!”. Infine, parla della sua Rausy: “Abbiamo passato qui il Capodanno e ceniamo spesso insieme, ma di lei non parlo. Non le fa piacere, è molto riservata. Il matrimonio? Non è nei miei progetti. Se mi sposassi, lo farei con rito religioso, perché se è solo per un avere un contratto, allora meglio convivere. Per me il matrimonio è sacro ma sposarmi in chiesa non sarebbe coerente con la mia personalità. Insomma, non credo che mi sposerò. Però vorrei avere un figlio. Non che sia un’esigenza impellente, ma se arrivasse, ne sarei contento”.

Fonte: Visto

 

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM