Virna Lisi: “Ora la Madonna guida anche me!”

gente

L’attrice Virna Lisi racconta il personaggio che interpreta nella fiction Madre aiutami: “Suor Germana non è la religione che ti aspetti, non dice la preghierina in ginocchio, ma incarna la fede battagliera cara a Papa Francesco. Interpretarla ha dato una svolta alla mia carriera. La sua storia parte in Africa, dove per trent’anni si è data da fare, soprattutto per bambini, organizzando una missione e un gruppo di missionarie a cui ha insegnato a fare le infermiere. Tornata a Roma, diventa madre superiora di un convento, dove scopre che un gruppo di guerriglieri ha fatto irruzione uccidendo madri e bambini e cinque suore e inizia a indagare, scoprendo che era stata causata da interessi economici legati al suolo su cui è costruito il convento. E’ una fiction molto attuale: suor Maria viene rinchiusa in un convento di montagna per nascondere il suo stato interessante, causato da uno stupro collettivo. Si collega alla vicenda di cronaca vera di suor Romana. Credo che l’obbligo di castità sia una castrazione, una donna può dedicare la vita a Dio, ma può fare cose meravigliose anche costruendo una famiglia. Io sono sempre stata religiosa, non vado a letto senza dire le preghiere, fa parte della mia educazione, che ho trasmesso ai miei figli e ai miei nipoti. In chiesa ci vado quando è vuota, in modo da poter costruire un rapporto tra me e la Madonna”. Per la prima volta si apre sulla morte di suo marito, con cui ha condiviso 53 anni: “E’ un dolore mio, privatissimo. Se ne parlo mi commuovo, quindi non lo farò. Oggi vado avanti grazie al mio lavoro e soprattutto grazie ai miei nipoti. Tutte le mattine mi danno un bacio: un rito che avevo con mio marito e che ora porto avanti con loro”.

Fonte: Gente

 

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM