Raffaella Fico, Pia e Mario Balotelli: storia di un amore

chi

L’ultima immagine di Mario Balotelli vede il calciatore col volto rigato di lacrime: non ha segnato, è stato sostituito e soprattutto è sceso in campo dopo aver twittato: “Finall the truth Pia. Sweet child of mine! Your dad” (Finalmente la verità, Pia, dolce bambina mia. Il tuo papà). Ci ha messo più di un anno per riconoscerla, ma finalmente la bambina avrà “il suo papà e l’amore del padre”, secondo quanto la madre, la gieffina Raffaella Fico, ha dichiarato a Barbara D’Urso a Domenica Live, dove si è lasciata andare a qualche lacrima. Ripercorrendo la loro storia, ne è passato di tempo da quanto lei fece scalpore perché aveva messo all’asta la sua verginità a un milione e mezzo di euro dicendo: “Con quei soldi potrò realizzare i miei sogni. E se lui non dovesse piacermi, manderò giù un bicchiere di vino!”. Lei fa parlare per il suo presunto fidanzamento col calciatore Cristiano Ronaldo, lui per i problemini con le autorità, ma poco dopo arrivano le prime  foto dei due insieme a Gardaland e a giugno 2012 sono ufficialmente fidanzati. Lui conosce la famiglia di lei ed è accolto bene, mentre pare che i genitori adottivi di Balotelli non fossero contenti della ragazza. Lei va a vivere da lui a Manchester, ma dopo esser stata messa alla porta dal calciatore, rivela di essere incinta. I due avranno poi un incontro a Napoli, che sembrava auspicare una riconciliazione. Non sarà così: lui si fa vedere tutta l’estate nei locali più esclusivi, mentre lei sfila col pancione. Dopo qualche mese, Mario si fidanza con la ballerina Fanny Neguesha e inizia la battaglia legale per il riconoscimento della piccola Pia. I signori Balotelli accusano la Fico di aver lucrato sulla storia e di aver sempre puntato il dito contro Mario. Adesso, arriva una lettera dai toni decisamente più pacati da parte di lui, che si chiude così: “Con affetto, Mario, che oggi aspetta sua figlia lontano dal clamore mediatico e magari un giorno a tifare Milan e il suo papà”.

Fonte: Chi

 

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM