Beatrice Valli dixit

Trono blu

Beatrice Valli in esterna con Marco Fantini: “In studio parlano tutte per parlare, poi alla fine non sanno le giornate che faccio io perché magari loro non fanno neanche un terzo di quello che faccio io, come una Noemi che io non so cosa possa fare però sinceramente una che studia all’università cosa vuoi che faccia? Cioè si alza a mezzogiorno, va lì a studiare… poi? Io faccio tutto io, lavo, stiro faccio tutto io… dover fare la madre è il lavoro più… più duro. L’unica cosa positiva che ho è mio figlio… la forza ce l’hai però dopo un po’… ogni tanto hai bisogno anche di una persona che ti stia… anzi,  la cosa più importante…”

About Isa

18 commenti

  1. L’avrei ammazzata quando ha detto questa frase a sproposito sulla tipica vita di una studentessa universitaria. E’ vero, ci sono persone che si parcheggiano all’università senza impegnarsi seriamente,solo per farsi mantenere giustificatamente dai genitori, ma ci sono allo stesso tempo tanti altri ragazzi che fanno sacrifici enormi per prendere quel benedetto foglio di carta,e che addirittura lavorano nel mentre studiano. Lei accusa gli altri di giudicarla ingiustamente, quando non hanno la minima idea di cosa significhi essere madre a 19 anni, ma questo non legittima questo suo attacco altrettanto ingiusto e molto arrogante dato che neppure lei sa cosa voglia dire essere una studentessa universitaria e tutti gli sforzi che comporta questo status. Esternazione che ho trovato personalmente molto fastidiosa da ex studentessa universitaria! :martello

  2. Se tenesse la bocca chiusa e stesse come un soprammobile in studio, cosa che peraltro fa il 90% del tempo, sarebbe meglio. Ragazzina superficiale.

  3. :emo53 io, lavo, stiro faccio tutto io…si come tutto il mondo è! :emo50

  4. Che ignorante… e poi si lamenta delle recriminazioni sul suo essere madre e frequentare U&D. :martello A parte che nessuno le dice niente per il fatto di essere madre a diciannove anni ed avere un matrimonio (o storia importante che sia) alle spalle… semplicemente se n’è discusso perché lei stessa ha ammesso di essersi lasciata solo due mesi fa… se permetti un dubbio viene. :sgrunt Per il resto, quel che combina sono sue scelte di vita, a nessuno cambia nulla.
    Lei invece non capisco in base a cosa classifichi un’universitaria come una nullafacente… :emo28 Che persone ha conosciuto? Che università conosce? No, perché, vabbhè, di studenti bighelloni che perdono anni dietro ad una laurea che arriverà alla soglia degli anta ce ne sono, ma generalizzare a questo modo mi sembra un pelino eccessivo. :roll
    Cara Beatrice, se i giudizi affrettati, anzi, i pregiudizi, ti stanno sulle pelotas, non puoi essere la prima ad averli. :fischia Prima ha dato a Noemi della bruttona, ora l’accusa di essere una perdigiorno… dite quello che volete, ma io questa tipa non la sopporto.

  5. Beatrice ha 19 anni,un bimbo,una relazione finita da due mesi e va a uomimi e donne????mah….ancora non riesco a inquadrarla sta ragazza!!

  6. Lei invece che si è fatta mettere incinta a 17 anni da un calciatore,si è sposata poi si è separata e dopo soli due mesi è andata a corteggiare a uomini e donne sente di essere una donna VERA e responsabile?Che enorme gigantesca pena.Leia quanto mi risulta neanche lavora quindi se tenesse chiusa la bocca farebbe una migliore figura.

  7. con che calciatore e’ stata sposata?

  8. Cara Cenerentola Beatrice, non lo sai che la maggior parte delle persone lava, stira, cucina, lavora ecc…? e magari lo ha dovuto fare anche prima dei 19 anni… poi sul ruolo di madre non giudico perché non ho figli, ma il mio cuore mi dice che non andrei a uomini e donne…. :roll

  9. Quanto odio le persone che per mettersi in luce devono gettare fango sugli altri. Partendo dal presupposto che questa storia degli universitari che si svegliano a mezzogiorno è una bufala. Io sono universitaria, i giorni che frequento devo stare la alle 8e30 e quando non frequento comunque la sveglia alle 8e30 metto visto che gli esami non li prepara per me beatrice la tutto fare. Noemi fa quello che fanno le ragazze della sua etá, niente piu niente meno al massimo è lei quella fuori dagli schemi di una normale 19enne. Senza contare che si sentisse poco figa perche il 90% delle donne con un figlio lavorano, si prendono cura dei bambini e della casa, quindi non si sentisse poi cosi speciale.

  10. A Beatrice vorrei dire che molte universitarie lavano, stirano, puliscono, lavorano e in tutto ciò studiano anche… che non è cosa da poco. Sul fatto che badi ad un figlio ad essere sincera non penso ci vogliano chissà quali competenze particolari, anche in questo caso c’è gente (molte mie colleghe) che lavora, studia, ha un figlio e nel frattempo fa tutte le cose normali di ogni persona lavare, stirare, cucinare ecc ; non mi sembra un’eroina per la sua descrizione.
    Ah dimenticavo non mi risulta in genere che gli studenti (seri) si alzino a mezzogiorno, diciamo che tra le lezioni e lo studio per sostenere gli esami il tempo di dormire è particolarmente ridotto.

  11. Non ho capito.. ma glielo ha ordinato il medico di fare un figlio? Deve essere informata che quello che fa lei lo fanno tutte le madri del mondo (o quasi) anzi molte lavorano anche, quindi è lei una privilegiata a poter passare tutto il tempo con suo figlio.. E poi , già una che va a ued non è che ci faccia una bella figura, figuriamoci una che ha un bambino piccolo e ha chiuso da due mesi la storia col padre del bimbo.. sarò strana io ma in quelle condizioni andare a ued dovrebbe essere l’ultimo pensiero, anzi non dovrebbe proprio sfiorarti come pensiero.. lei addirittura se ne vanta! ma per favore! pensa a fare la mamma

  12. Cuore di Inchiostro

    Questa situazione mi ricorda un pò quella del trono di Tommaso, quando Germana diceva che lei lavorava per mantenersi invece altre studentesse universitarie avevano la “pappa pronta”.
    Insomma, argomenti che si ripropongono. E’ facile cadere nei luoghi comuni e non bisogna assolutamente generalizzare. Capisco lei che magari si sente attaccata però che ne sa lei di Noemi e di quando si alza? :ride

  13. Un discorso simile lo fece a suo tempo Germana e come allora,forse in questo caso ancora di più,mi ha enormemente infastidita. Ognuno nella vita fa delle scelte che comportano,in alcuni casi, enormi sacrifici.La sua è stata una scelta,nessuno l’ha obbligata a bruciare le tappe,i suoi sacrifici sono la conseguenza delle sue scelte,così come i sacrifici di tanti studenti e studentesse universitarie sono la conseguenza della loro scelta di laurearsi un giorno,sperando di trovare un lavoro e una propria indipendenza prima di metter su famiglia. La sua scelta non fa di lei una donna più forte,responsabile e matura di quanto non lo siano tanti universitari che si svegliano all’alba e non a mezzogiorno per studiare o seguire i corsi e magari si rimboccano le maniche per conciliare studio,lavoro,e aiuti in famiglia! Da studentessa dico che vorrei tanto avere come lei un po’ di tempo per fare casting e partecipare a qualche programmuccio qua e la,oppure per uscire il sabato sera visto che in vista degli esami,noi studenti ( con le dovute eccezioni,si intende) neanche questo facciamo! :emo13

  14. Beh certo le studentesse universitarie sono proprio delle fannullone :mumble
    INVECE FARE SHOPPING MANTENUTA DA UN CALCIATORE: CHE VITACCIA!!! :vomito

  15. Io mi sono ricreduta su di lei proprio in questa esterna. Si è tolta la maschera da principessa snob e mi è sembrata effettivamente una ragazzina di 19 anni con tutte le responsabilità del suo ruolo. Voluto o non voluto, un figlio è sempre una benedizione che ti fa crescere di colpo.

  16. Tutte le persone che hanno dei figli devono sia accudirli che badare alla casa; lei non è certo l’unica sulla terra. Certo,un figlio, è si una benedizione ma anche un impegno che dura per tutta la vita, ma è una scelta che ognuno fa responsabilmente, prevedendo, più o meno quali saranno le conseguenze.
    L’attacco alle universitarie lo trovo semplicemente puerile.
    Me poi,lei ora non lavora,prima non si sa come campasse,si sa solo che le piacerebbe fare la stilista ( pure a me piacerebbe essere la nuova Giulia Buongiorno o Annamaria Bernardini de Pace :torta ) quindi prima di parlare delle altre che,università ke no,si sfanno costruendo un’avvenire,che parli per sè.

  17. Chiedo venia per gli errori 😀

Inserisci un commento

Not using HHVM