Milly Carlucci: “Sogno un tango con mio marito!”

Vip

E’ stata ancora una volta un grande successo, anche la decima edizione di Ballando con le stelle. La conduttrice Milly Carlucci, ad un passo dalla finale, fa il bilancio di quest’anno: “E’ stata la più bella edizione da quando abbiamo iniziato perché abbiamo fatto un passo avanti, senza modificare la formula che fa ballare i protagonisti ai passi di rumba, valzer, tango e cha cha. Il filo conduttore è stato il sogno, la speranza, la capacità di sfidare i propri limiti e andare oltre. Abbiamo raccontato vite particolari, che lanciano messaggi positivi: è stato un calderone di emozioni. Penso a Giusy Versace, campionessa paraolimpica, una donna che pur avendo due protesi al posto delle gambe è sempre sorridente e combattiva! Ma anche Dayane Mello, che è nata e cresciuta nella miseria del Brasile e ha trovato fortuna in Italia, a Joe Maska e al suo messaggio contro il bullismo, a Giorgio Albertazzi che si è messo in gioco a 91 anni. Purtroppo si sono verificate la defezione sua e di Teo Teocoli; per impegni teatrali il primo, per infortunio il secondo, e sono stati sostituiti da Tony Colombo, una star del neomelodico, tuttavia umile, e il pugile Roberto Cammarelle. La giuria ha maturato una sua personalità, è unita nonostante le diversità e sono simpatici proprio per le loro divergenze! Gli ascolti, che per fortuna si sono mantenuti alti, non rientravano nelle logiche di questa edizione, dato che la Rai si è ridimensionata molto e avere pochi soldi per un programma come Ballando non è facile. Abbiamo cercato di supplire con una maggiore quantità di lavoro. Non è stato facile mettere insieme il cast e ringrazio tutti perché hanno accettato dei ritocchi notevoli ai loro compensi. Inoltre, non ricorriamo a polemiche inutili, falsi scandali ed evitiamo il trash”. Infine, Milly parla di sé come donna: “Sto vivendo benissimo i miei primi 60 anni, sono felice, piena di progetti e ottimista, ho tanta voglia di fare. Con un po’ di organizzazione riesco a districarmi bene tra casa e palcoscenico. Questo lo devo anche a mio marito Angelo Donati, che mi aiuta moltissimo, mi sostiene e collabora nel migliore dei modi. Pur avendo due caratteri diversi, la pensiamo allo stesso modo su famiglia, lavoro e religione. Bisogna badare alle cose serie, fondare un rapporto sull’amore e non perdere tempo a chiarirsi su cose inutili. Un mio desiderio? Ballare il mio ballo preferito, il tango, con mio marito. Appena avremo tempo, lo impareremo sicuramente!”

Fonte: Vero

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM