Fabrizio Corona resta in carcere: nessuno sconto di pena per l’ex agente dei paparazzi

Fabrizio Corona

Da tempo c’è un gran parlare attorno alle vicende giudiziarie di Fabrizio Corona. Moltissimi vip si sono mobilitati in suo favore facendo appello alle autorità perché gli venga concessa la grazia. Ma se la grazia è l’obiettivo massimo a cui aspirerebbe l’ex agente di fotografi, più realistica a detta dei suoi avvocati sarebbe invece la possibilità di scontare il resto della pena fuori dal carcere, ai domiciliari o in una comunità di recupero in cui poter curare i suoi disturbi di personalità borderline (instabilità dell’umore e anomalia della percezione di sé stessi) e narcisistica (incapacità di provare empatia verso altri individui e percezione eccessivamente grandiosa di sé), che a detta dei suoi medici si sarebbero aggravati in questi due anni di reclusione.

E nelle scorse settimane persino Barbara D’Urso era tornata ad occuparsi del caso Corona nelle sue trasmissioni (QUI il post), nonostante le acredini del passato con Fabrizio.

Ma facciamo un breve riepilogo della situazione: Fabrizio Corona era entrato in carcere nel 2013 perché condannato in via definitiva ad un totale di quattordici anni di reclusione per tutta una serie di reati, alcuni anche gravi, tra cui aggressione a pubblico ufficiale, estorsione e tentata estorsione, estorsione aggravata e trattamento illecito di dati personali, detenzione e spendita di banconote false, possesso di arma da fuoco con matricola abrasa (quindi ricettazione), violazione di domicilio, appropriazione indebita, falso, corruzione, bancarotta fraudolenta ed evasione fiscale.

La pena, in seguito a ricorsi dei suoi legali, era stata ridotta lo scorso febbraio a nove anni di reclusione, ma la Procura di Milano aveva fatto ricorso contro questa concessione e finalmente ieri è arrivata la sentenza definitiva della Cassazione che ha deciso di annullare lo sconto di pena che gli era stato accordato in precedenza. Quindi il tribunale di Milano adesso dovrà ricalcolare il cumulo delle pene, che si pensa dovrebbe tornare ad attestarsi intorno ai tredici anni di reclusione, che poi effettivamente sarebbero undici visto che due li ha già scontati, essendo rinchiuso nel carcere milanese di Opera dal 2013. Fabrizio è inoltre stato condannato al pagamento delle spese processuali di questo ricorso.

Dovrebbe terminare quindi così la parabola di Corona, ma siamo certi che invece lui, i suoi legali e la sua famiglia continueranno a battersi per ottenere, dal loro punto di vista, giustizia.

About Redazione_IsaeChia

22 commenti

  1. Corona -discutibile personaggio- ha pestato i piedi a qualcuno di troppo importante e sta pagando questo.
    Detto questo, sarò maligna, ma ci sono molte persone prima di lui che scatenano in me sentimenti di pena.

  2. Il nostro sistema punitivo è tutto da rifare, non si possono concedere 9 anni di domiciliari per una violenza e tentato omicidio e 14 anni in cercare in una cella di massima sicurezza per questi reati, seppur gravi e tanti. A me è sempre piaciuto Corona nel suo modo di esprimere la sua senza mezzi termini, ma il suo unico errore è stata quella mania di grandezza e di onnipotenza che lo ha fatto reiterare e reiterare. Io spero che gli vengano concessi i domiciliari in casa famiglia

  3. Pena esagerata? Mah, forse, però non avesse fatto e ri-fatto mille cag*te ( finesse) non starebbe in carcere per 13 anni. Si è sempre posto al di sopra della legge, adeso la paga cara, anzi gliela fanno pagare. Per me ha fatto qualcosa a qualcuno di potentissimo.

  4. Siamo un paese da VERGOGNARSI ebasta.
    Per questo motivo e tanti altri,

  5. uno uccide una che lo sta insultando, con un pugno in faccia;dopo averla stesa non si ferma neanche a guardarla.gli dànno otto anni;dopo quattro è fuori.per buona condotta.

  6. bhe finora di anni ne ha fatti due,anzi uno e mezzo male non gli avra’ fatto- immagino che uscira’ per buona condotta o ai domiciliari a breve, quindi non strappatevi i capelli per il povero Corona. C’e’ tanta altra gente in italia per cui varrebbe la pena indignarsi

    • la pena gli è stata confermata e niente domiciliari.
      come per elga:il giusto ideale insozzato dalla malafede (in questo caso,di chi dovrebbe esser super partes).
      + i capelli me li tengo cari;dopo tanto tempo,mi ci sono affezionata.

      • no ma coen, non parlavo con te cara lo so che non ti strappi i capelli, e’ che su facebook ne leggo tante..cmq PER ORA dopo 1 anno e mezzo di carcere non ha i domiciliari. dai tempo al tempo, massimo 3 anni esce.

        • ajas ,l’hanno messo in un carcere di massima sicurezza,,,,se non è accanimento calcolato,questo.
          + penso che la madre e don mazzi temano che commetta qualche gesto inconsulto;e ,per arrivare a rivolgersi a mille smorfie,la paura sarà reale.
          + le mie discussioni con te son solo l’attestato della mia stima.twe dovrebbe crear una giallina adatta.

  7. Mah, non è che sta in carcere per non avere fatto nulla eh.. i reati ci sono e quella pena è un cumulo dei vari reati, quindi non capisco questa santificazione. Un povero uomo lombardo, quasi due mesi fa è finito in carcere e deve scontare sei anni per avere ucciso un ladro che si era introdotto a casa sua e nonostante la legittima difesa è stato condannato. Io ho pena prima di questa gente poi di chi prima si comporta a cavolo e poi piange.

  8. scusate, ma avete mai dato un’occhiata alla lista di reati che gli sono stati riconosciuti?
    ma scherziamo? c’è di tutto, dentro, dalla bancarotta fraudolenta all’estorsione e alle collusioni mafiose.

  9. a me per Corona dispiace tantissimo 🙁 è vero ha fatto dei errori, ha sbagliato. è stato un cazzone ma è una brava persona cioè non lo avrei mai messo in carcere per così tanti anni e gli avrei concesso i domiciliare
    poveraccio se penso che si è ritrovato in carcere con persone che hanno ucciso o violentato altre persone mi viene il vomito…lui non è così…x me non se lo merita

  10. se fosse stato un vero colluso era fuori,a spassarsela nella villa abusiva sul mare, con qualche assessore che gli serviva la cena.mi sa.

  11. Mah, usare come metro di paragone le pene blande degli assassini é sbagliato in linea di principio, perché quello é un errore da correggere, se lo si usa come paradigma finisce per diventare accettabile (se non addirittura una cosa accettata). Cioé, é un giochino pericoloso, Non so se mi spiego, non so come dirlo diversamente. Va corretto quello, piuttosto che la pena a Corona, che comunque, se non si fosse comportato come ha sempre fatto, forse se la sarebbe cavata con poco. Cioé, io ho visto i filmati del processo su Rai3, e se ora si é pentito (forse perché gli conviene, non so) durante era la solita faccia da schiaffi. Irrispettoso e sfacciato da essere imbarazzante.

  12. Beh mi sembra che non ci sia bisogno di dire nulla, per una volta la giustizia ha funzionato bene!!!!

Inserisci un commento

Not using HHVM