Veronica Maya: “Dopo il parto vorrei tornare da mamma Rai!”

Nuovo tv

Un’estate trascorsa al mare col pancione per Veronica Maya, che si prepara a un inverno all’insegna di poppate e cambi di pannolini. A fine anno lei e il suo compagno, il chirurgo plastico Marco Moraci, avranno infatti la loro prima femminuccia. “Si chiamerà Katia“, rivela la presentatrice. “In famiglia siamo tutti molto eccitati per il suo arrivo. Specialmente i fratellini, Riccardo e Tancredi, che non vedono l’ora di giocare con lei“. Appendere il fiocco rosa al portone di casa era il suo sogno, ma di desideri da realizzare la Maya ne ha in mente anche un altro: tornare in Rai, dopo essere stata messa alla porta, lo scorso gennaio, in modo quasi sorprendente. E a quanto pare, ci sono già lavori in corso per rivederla di nuovo nell’azienda che l’ha lanciata ormai dieci anni fa. “Spero di tornare il prima possibile, magari nel 2016, anche se al momento non c’è ancora nulla di concreto. Ora devo solo pensare a prendermi cura della bimba che sta per venire al mondo“. Quindi per quest’anno niente Zecchino d’oro? “Non penso di esserci, ma in realtà non siamo in trattativa per questo. Comunque ne ho già condotti nove e sono orgogliosa di questo record. Certo, mi sarebbe piaciuto portare il pancione allo Zecchino, perché mi era già successo con le mie altre gravidanze. All’Antoniano rimango legata da bellissimi ricordi. Ho una foto con mio figlio Tancredi in braccio, mentre siamo circondati dal piccolo coro. Lui aveva pochi mesi e sembrava un angioletto“. Quando le si fa notare che in Rai spesso si verifica un fenomeno curioso, cioè che all’improvviso professionisti stimati e apprezzati dal pubblico finiscono nel dimenticatoio, come con Monica Leofreddi e Simona Ventura, e le si chiede perché, l’ex concorrente di Tale e quale show risponde: “Bella domanda! La Rai è una grande azienda, ma non sempre riesce a colloquiare con le persone in carne e ossa. Nei rapporti ci si perde un po’. Nel mio caso, poi, il contratto era scaduto nell’estate 2014 ma ho continuato a lavorare fino a gennaio. Ho ricevuta partecipato a Tale e quale show, allo Zecchino d’oro, al Concerto dell’Epifania. Poi ho ricevuto tante promesse, però tutte senza un seguito. In realtà queste promesse non erano necessarie. Avrei preferito un arrivederci sincero. E invece sono stata trattenuta inutilmente. Non mi è piaciuta la modalità, perché un cambio di volti in tv è comprensibile. Il problema è che i dirigenti mi dicevano: ‘Tu sei un nostro prodotto, sei cresciuta nel vivaio, sei una risorsa dell’azienda’. Poi, invece, non hanno trovato qualcosa di adatto a me. Pazienza. E pensare che alla fine ho chiesto addirittura il permesso per poter andare via, quando in primavera, ho deciso di trasferirmi ad Agon Channel“. L’esperienza nella tv albanese, però, si è già conclusa e quando le si chiede cosa le abbia lasciato, la Maya risponde: “E’ stata una bella esperienza. Ho lavorato là fino a giugno. Una volta a settimana andavo a Tirana per condurre il talent show Chance e poi tornavo a casa, in Italia. Ora non so quale sarà il destino dell’emittente, se chiuderà o se andrà avanti. Personalmente, però, ho lavorato molto bene con loro, non mi è mai mancato nulla. Sono stati tre mesi davvero piacevoli”. Come è andata, invece, la sua ultima estate circondata solo dai suoi ‘uomini’? “Abbiamo trascorso splendide vacanze itineranti. Siamo stati a Otranto, a Capri, a Sorrento e ci siamo goduti tanto mare eoliano a Lipari, dove abbiamo casa. Con la nostra barca ci siamo fatti ‘coast to coast’ tutte le isole. Per fortuna i miei figli giocano con tutto, a loro basta anche un sasso o due pezzi di legno per divertirsi. Amano moltissimo il mare. Per Tancredi ho addirittura scelto di partorire in acqua e penso che farò la stessa scelta con la mia terza figlia. Ma quelli sono momenti particolari. Dipenderà dal mio stato d’animo. La struttura dove partorirò si trova a Napoli e offre alla futura mamma la libertà di scegliere la posizione più congeniale per mettere al mondo il l proprio bebè. L’esperienza in acqua è stata naturale e spero di ripeterla. Però non si arriva in sala parto con un’idea precisa. Ci sono tante variabili che possono farti cambiare idea all’ultimo momento“. Quanto al nome della piccola, per gli altri due ne hanno dati due, mentre con lei sono fermi a uno: “Con i maschi è stato più facile. Con la bambina siamo fermi a Katia. Il secondo non lo abbiamo ancora deciso. Il battesimo di Katia in contemporanea col matrimonio? Mi piacerebbe! Se per la prossima estate la burocrazia mi concederà il divorzio dal mio precedente marito Aldo Bergamaschi, potremmo festeggiare il doppio evento. Si parlava di divorzio breve, di tempi ridotti per avere le carte necessarie. Evidentemente appartengo ancora al vecchio gruppo. Purtroppo i tempi si sono allungati. I futuri fratellini mi coccolano, mi danno i bacini sulla pancia. Mi aspetto che costruiscano con lei un rapporto fatto di complicità. Abbiamo fatto una prova di convivenza con una cuginetta di pochi mesi. E devo dire che sono stati molto teneri“.

Fonte: Nuovo tv

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM