Eva Grimaldi: “In Italia bisogna fare di più per i gay. Il mio ex Gabriel Garko? E’ un bambinone!”

Top

In questi giorni Eva Grimaldi è al cinema in questi giorni con Babbo Natale non viene da Nord ed al contempo prosegue la sua tournée teatrale con Il marito di mio figlio.Il film è una bellissima favola. Ho recitato al fianco di Maurizio Casagrande e della cantante Annalisa Scarrone. In questa pellicola interpreto il ruolo di una donna che è una vera tigre e gestisce un locale per soli uomini. Il pubblico si divertirà a vedermi interagire col personaggio interpretato da Casagrande: me lo mangio con gli occhi e non solo! Quello del teatro è un successo di cui vado fiera, visto che oltre al Teatro alla Garbatella di Roma siamo stati anche al Nestor di Frosinone, ottenendo spesso il tutto esaurito. Un riscontro pazzesco, che mi ha fatto venire i brividi: sensazioni che mai avevo provato in tanti anni di carriera. Il marito di mio figlio è uno spettacolo che tratta il tema dell’omosessualità, un tema attuale di cui si parla tanto, ma per cui si fa ancora troppo poco. Ed è un vero peccato. Il premier Matteo Renzi, per esempio, aveva detto che avrebbe fatto delle cose a loro tutela, ma intanto passa il tempo…E non succede nulla! Certo, so bene che in Italia ci sono diversi problemi di cui occuparsi. Ma ritengo che anche l’omofobia e la violenza lo siano. Io interpreto una donna che scopre che suo figlio è omosessuale, all’inizio rimane spiazzata ed è assolutamente contraria alle nozze di suo figlio col fidanzato. Ma poi, fortunatamente, capisce che la gioia del figlio viene prima di tutto e decide di sostenerlo. E’ stato bellissimo, per me, vedere in platea non soltanto un pubblico di giovani, ma anche persone di una certa età, visibilmente interessate alla nostra commedia. Il nostro è uno spettacolo che, oltre a far sorridere, offre anche degli spunti di riflessione. Da febbraio saremo in scena al San Babila di Milano e non vedo l’ora: speriamo di ottenere lo stesso successo“. In prima fila, ad applaudirla, negli scorsi giorni, c’era anche il suo ex Gabriel Garko, con la sua nuova compagna Adua Del Vesco. Quando le si chiede qual è il segreto per restare amici con l’uomo che si è amato per tanti anni, l’ex concorrente di Pechino Express risponde: “Non c’è un segreto. Diventando grandi, inevitabilmente, si capisce che le cose importanti non sono queste, ma altre. Che senso ha continuare a tenersi il muso? Meglio pensare al periodo bello trascorso insieme. E poi la grande Anna Magnani diceva sempre: ‘Per avere successo nella vita non bisogna avere memoria’. E aveva ragione: se uno si fossilizza continuamente sul passato, poi non fa altro che logorarsi, mentre tutti gli altri vanno avanti. Tornando a Gabriel nello specifico, con lui ho costruito un bellissimo rapporto. Lui è una persona molto carina. E’ ben diverso da quello che tutti pensano: è un bambinone“. Poi, quando le si chiede se la vera Eva somiglia più a quella aggressiva o a quella vulcanica, lei rivela: “Il bello del mestiere dell’attrice consiste nell’interpretare donne sempre diverse. A me, al contrario di altre attrici sopravvalutate, che dall’inizio della loro carriera interpretano sempre la stessa parte, è sempre piaciuto spaziare. Per il resto metto sempre un po’ della vera Eva in ogni mio personaggio. E puntualmente, ogni volta, mi capita di prendere qualcosa dai ruoli che porto in scena. Il ruolo che morivo dalla voglia di interpretare è quello che interpreterò in un thriller che uscirà al cinema l’anno prossimo: una donna altera, priva di qualsiasi sentimento positivo. In poche parole, l’esatto opposto della sottoscritta! Io sono una donna curiosa, a cui non piace mai stare ferma. Mi piace occuparmi del mio prossimo, attraverso delle buone azioni, anche piccole, come una semplice telefonata per mostrare la mia vicinanza. E poi mi piace leggere libri, andare a teatro e fare una vita sana e semplice“. Infine quando le si chiede come vivrà le sue vacanze di Natale, la Grimaldi conclude: “Con mia mamma, i miei fratelli, le nipoti e i loro figli. Eh già, sono già diventata prozia. Sono felice dei giorni di vacanza che trascorrerò circondata dai miei parenti perché per noi il Natale è sacro. Sono cattolica, di conseguenza credo che sia la nascita di Nostro Signore. Credo in Dio e in Papa Francesco. Credo, inoltre, nei valori che la mia famiglia mi ha trasmesso e che mi accompagnano nella quotidianità. Mi danno davvero tanta forza, in ogni momento“.

Fonte: Top

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM